Tripi (Confindustria): "Cinque progetti per il rilancio del Paese"

INNOVAZIONE

L'annuncio del delegato per l'egovernment dopo un incontro fra il presidente Emma Marcegaglia e i responsabili delle federazioni dei servizi e delle tecnologie, per la prima volta impegnati su un unico fronte

Si è tenuta in Confindustria la riunione del Coordinamento Servizi e Tecnologie, l’organismo presieduto da Alberto Tripi su delega del presidente Emma Marcegaglia.

Nel corso della riunione alla quale hanno partecipato tra gli altri Stefano Pileri, Gabriele Galateri di Genola, Ennio Lucarelli, Guido Riva e Paolo Ferrari, sono stati presentati i risultati del lavoro svolto con il contributo di diverse federazioni per la messa a punto di 5 Progetti-Paese in settori strategici dell’economia.

I gruppi di lavoro ai quali hanno partecipato oltre 100 persone hanno approfondito temi e proposte in materia di sanità, logistica, turismo, energia, PMI. Le sintesi dei rapporti che assommano a 350 pagine saranno sottoposte al Direttivo di Confindustria e nelle sedi istituzionali e politiche.

Secondo Alberto Tripi che ha la delega del presidente Marcegaglia anche per l’e-government , “i Progetti-Paese rappresentano un contributo importante per migliorare la qualità della vita delle imprese e dei cittadini. Si tratta di progetti precompetitivi che non solo esprimono la volontà di fare da parte delle diverse Federazioni di Confindustria, ma consentono quando saranno a regime risparmi nell’ordine di 15-20 miliardi (pari all’1-1,5% del Pil)”.

Tripi ha anche aggiunto che sono stati avviati rapporti con l’Abi per promuovere iniziative di collaborazione intorno ai Progetti per i quali non è previsto l’intervento di risorse pubbliche bensì l’autofinanziamento.
“Questa iniziativa – ha concluso Tripi – rappresenta per l’intera Confindustria una best-practice significativa perché vede impegnate per la prima volta insieme le Federazioni dei servizi e delle tecnologie”.

14 Ottobre 2009