In Europa nuovi sistemi per il Digital Cinema

SONY

Il nuovo sistema di proiezione Srx-R320, il Media Block Lmt-300 e il software Theatre Management System offrono ai gestori di sale europei flessibilità senza precedenti
Sony ha presentato in dicembre il suo nuovo sistema di proiezione per il Digital Cinema, basato sulla già consolidata tecnologia 4K, adottata nelle sale cinematografiche con nuovi miglioramenti nelle prestazioni e nelle funzionalità.
Il nuovo sistema di Sony è composto dal proiettore 4K Sxrd Srx-R320 e dal Media Block Lmt-300. Il proiettore presenta caratteristiche e design simili a quelli del suo predecessore Srx-R220, già ampiamente adottato nel settore, ma ha dimensioni e peso quasi dimezzati, per offrire ai gestori delle sale cinematografiche maggiore versatilità nell'installazione.
“Dato il continuo aumento della domanda di sistemi in 3D, dall'introduzione del nostro primo proiettore 4K 3 anni fa Sony continua ad essere pioniere nell'innovazione tecnologica del settore, per soddisfare le esigenze sempre diverse degli utenti europei”, ha dichiarato Oliver Pasch, Head of Digital Cinema, Sony Professional. “Questa nuova versione continua quella tradizione e mette in luce le ragioni per cui i gestori europei di sale cinematografiche di qualsiasi dimensione adottano la tecnologia 4K di Sony. Grazie a livelli elevatissimi di risoluzione, sicurezza e versatilità, questo nuovo sistema è ideale per creare un'esperienza cinematografica digitale estremamente coinvolgente su tutti gli schermi, sia in 2D che in 3D”.
"Il nuovo sistema offre tutti e tre i livelli di struttura dell'immagine specificati dallo standard DCI per la proiezione in 2D e 3D, tra cui il livello 3, con un numero di pixel pari a 4096 x 2160, per la proiezione con tecnologia SXRD, e un contrasto elevato di oltre 2000:1, come richiesto nelle applicazioni di proiezione cinematografica". È stato progettato per essere compatibile con le stesse lampade e ottiche utilizzate dal sistema R220, ampiamente adottato in Europa a seguito della prima installazione da parte dell'Hollywood Multiplex Operations (Hmo) in Romania, primo complesso europeo ad adottare la tecnologia 3D su una soluzione digitale 4K.
Il sistema SRX-R320 è conforme allo standard FIPS 140-2 e presenta un design che permette di integrare nello chassis il server Lmt-300, offrendo un alto livello di sicurezza conforme ai criteri anti-manomissione Spb-2 stabiliti dal Dci (Digital Cinema Initiatives). I criteri Dci vengono soddisfatti anche nella riproduzione delle immagini, in termini di fedeltà dei colori, bilanciamento del bianco e livello di contrasto.
A disposizione degli utenti ci sono sei ottiche motorizzate con funzione di memoria per i parametri di zoom e messa a fuoco e una vasta gamma di lampade allo Xenon di produttori terzi da 4,2 kW, 3,0 kW e 2,0 kW, che permettono di produrre un livello di luminosità di 14 ft-L, conforme allo standard SMPTE, su schermi di ampiezza fino a 20 m; quest'ampiezza può essere estesa fino a 21,4 m utilizzando l'ottica anamorfica opzionale LKRL-A001.
Installando l'adattatore 3D a doppia lente, il proiettore SRX-R320 può offrire immagini nitide in 3D su schermi di ampiezza fino a 15 m (altezza constante/mascheratura dei lati dello schermo) con una luminosità di 4,5 ft-L.
L'ottica dell'Srx-R320 - progettata per ridurre al minimo le aberrazioni cromatiche - ha la capacità di riprodurre immagini con risoluzioni superiori al 4K, necessarie per proiettare i contenuti 4K all'esatta risoluzione.
Il nuovo sistema prevede anche il software opzionale Stm-100 Theatre Management System, che permette agli utenti di gestire, in piena efficienza, molteplici sale da un Pc centrale collegato alla rete Lan del complesso. La tecnologia alla base del software TMS è progettata per integrarsi con installazioni già esistenti di sistemi SRX-R220 e LMT-200.
Il proiettore 4K Srx-R320 e il Media Block Lmt-300 sono già disponibili sul mercato europeo e sono già stati installati in diversi multiplex, tra cui Cinemax AG in Germania e Apollo Cinemas Ltd. nel Regno Unito; nel secondo caso, l'installazione ha riguardato tre complessi operanti con tecnologia completamente digitale, con adozione del software Stm-100 Tms e soluzioni di archiviazione centralizzata di Sony.

20 Gennaio 2010