Vivendi cede la sua quota in Activision Blizzard: proventi netti per 1 miliardo

L'OPERAZIONE

Completata la copertura sulle azioni rimaste nelle mani del gruppo francese, pari al 5,7% del capitale del publisher di videogame. L'operazione permette alla compagnia guidata da Bolloré di recuperare un deposito in contanti pari a 400 milioni di dollari

di Andrea Frollà

Vivendi completa la copertura sulle rimanenti 41,5 milioni di azioni di Activision Blizzard finora in proprio possesso. La cessione della quota, che rappresenta il 5,7% delle azioni ordinarie del publisher di videogiochi, è avvenuta ad un istituto finanziario facendo segnare per la società francese proventi netti pari a 1,1 miliardi di dollari (circa 1 miliardo di euro). Lo svolgimento di questa operazione, si legge in una nota di Vivendi, permette al gruppo di recuperare un deposito in contanti di 0,4 miliardi di dollari.

La decisione della compagnia, che rappresenta anche il principale socio di Telecom con il 20,1%, è stata presa “in considerazione dell'evoluzione del prezzo delle azioni Activision Blizzard”. La copertura è stata costituita a giugno 2015 e copriva il 100% del valore delle azioni di Activision Blizzard, denominati in dollari Usa.

Per Vivendi, si tratta di operazioni che si inseriscono in una strategia di integrazione tra le piattaforme e i contenuti propri con i prodotti legati ai videogame, rispetto alla quale il gruppo transalpino sta puntando soprattutto su Ubisoft e Gameloft.

©RIPRODUZIONE RISERVATA 15 Gennaio 2016

TAG: vivendi, gameloft, ubisoft, videogiochi, videogames, titoli, azioni, partecipazioni, società, cda, voti, strategie, futuro, tlc, telecomunicazioni, activision blizzard, cessione, azioni, deposito, contanti

SCARICA L'APP PER IL TUO
SMARTPHONE O TABLET
App Store App Store