Amazon rilancia sull'Italia: "Creati 600 posti di lavoro, ma nel 2016 assumeremo ancora"

I NUMERI

Maxi piano di espansione europeo del champion dell'e-commerce. Previste migliaia di assunzioni nell'anno in corso. Nel 2015 10mila nuovi occupati e 15 miliardi dedicati allo sviluppo dal 2010. Investiti nel nostro Paese 450 milioni in cinque anni

di A.S.

Quattrocentocinquanta milioni di euro investiti in Italia dal 2010, con la creazione di 1.400 posti di lavoro, 600 dei quali, a tempo indeterminato, soltanto nel 2015. Sono i numeri diffusi da Amazon all’interno dei dati sugli investimenti in Europa. Previste nuove assunzioni in Italia anche per il futuro: presso la sede di Milano, il Customer Service di Cagliari e i due centri di distribuzione di Castel San Giovanni e Milano.

“L’Italia è cresciuta velocemente grazie all’alta qualità dei nostri dipendenti che hanno veicolato ai clienti italiani l’innovazione e l’eccellenza di Amazon, tramite la maggiore selezione di prodotti e l’apertura dei negozi Alimentari, Cura della Persona e Made in Italy - afferma Francois Nuyts, country manager di Amazon per l’Italia e la Spagna - Oppure le spedizioni più rapide che ci hanno consentito di recapitare i prodotti in un giorno agli abbonati Prime e addirittura nel giro di un’ora a Milano tramite Prime Now. Questi nuovi posti di lavoro sono la prova della fiducia che riponiamo nell’economia italiana, di cui Amazon è orgogliosa di fare parte”.

Intanto l’azienda registra anche il record dei posti di lavoro a tempo indeterminato creati in Europa, che hanno toccato quota 10mila, portando il totale dei dipendenti nel continente a 40mila unità. Dal 2010, secondo i dati diffusi dall’azienda, Amazon ha investito in Europa oltre 15 miliardi di euro in infrastrutture e attività per i Centri di Distribuzione, i Customer Service, i data center AWS, in ricerca e sviluppo e molto altro.

Nel 2016 l’azienda, tra le varie iniziative, si legge in una nota della società, investirà nell’espansione della propria rete europea di Centri di Distribuzione, nell’aumento delle attività di ricerca e sviluppo con base nel Vecchio Continente e nella costruzione di nuove infrastrutture per supportare la crescente attività nel mercato del cloud computing per le aziende. 

“Stiamo riscontrando una domanda sempre più forte da parte dei clienti Amazon in Europa e vediamo molte altre opportunità per inventare e investire per il futuro - spiega Xavier Garambois, vicepresidente di Amazon EU Retail - Nel 2015 abbiamo creato oltre 10.000 nuovi posti di lavoro e per il 2016 ne abbiamo in programma altre migliaia per tutti i livelli di formazione, esperienza e abilità, dagli specializzati in linguistica, in digital media, fino agli operatori dei centri di distribuzione e del servizio clienti”.

Amazon ha in programma di aggiungere centinaia di esperti di computer e ingegneri specializzati nello sviluppo di software nei suoi 12 centri di ricerca e sviluppo in Europa. I centri in Germania, Irlanda, Paesi Bassi, Polonia, Romania, Spagna e Regno Unito stanno ideando nuove soluzioni all'interno dei settori che compongono l’offerta dell’azienda, inclusi il sito retail Amazon e le app per mobile, i media digitali, i dispositivi e i software come la tecnologia di riconoscimento vocale, Prime Air e i servizi cloud.

I percorsi professionali in Amazon in Europa, conclude il comunicato, offrono opportunità a persone con ogni livello di formazione, esperienza e abilità. “Siamo orgogliosi sia di offrire ottimi posti di lavoro alle persone che hanno le capacità che stiamo cercando, sia di aiutare le persone a sviluppare e aggiungere nuove competenze attraverso i nostri tirocini e programmi innovativi come Career Choice” commenta Roy Perticucci, vicepresidente di Amazon EU Operations.

©RIPRODUZIONE RISERVATA 22 Gennaio 2016

TAG: Amazon, Francois Nuyts, Xavier Garambois, Prime Air, Roy Perticucci

SCARICA L'APP PER IL TUO
SMARTPHONE O TABLET
App Store App Store