Cyber security, Obama investe 19 mld di dollari

SICUREZZA

Fondi federali per la sicurezza pronti a balzare del 35% nel 2017. Il Presidente dà il via a un Piano e a una Commissione speciale di esperti per aumentare consapevolezza e strumenti in mano ad aziende, enti governativi e privati cittadini

di Patrizia Licata

La cybersecurity, già tema particolarmente più a cuore per il Presidente americano Barack Obama, sale al rango di priorità assoluta. A tal punto che Obama ha chiesto alla sua amministrazione una rapida implementazione di un nuovo piano, il Cnap (Cybersecurity National Action Plan), che prevede sia una serie di misure immediate che una strategia di lungo termine per alzare il livello della consapevolezza sui rischi cibernetici e sulle difese che si possono mettere in atto. Il piano mira anche a proteggere maggiormente la privacy, vigilare sulla sicurezza pubblica e delle infrastrutture del Paese e, in generale, a dare a tutti gli americani maggiori conoscenze e strumenti più efficaci per assumere pieno controllo della loro sicurezza digitale. Il Presidente americano ha più volte ripetutto che la cybersecurity è una delle più grandi sfide che gli Stati Uniti devono affrontare oggi.

Come si legge sul sito della Casa Bianca, l'amministrazione Obama ha lavorato negli ultimi mesi a stretto contatto con il Congresso per spingere più a fondo le iniziative per la difesa della sicurezza nazionale nell'era del digitale. Già a dicembre è stata approvata una nuova legge, il Cybersecurity Act of 2015, che fornisce importanti strumenti per il rafforzamento della cybersecurity nazionale, in particolare rendendo più facile per le aziende private scambiarsi tra loro e condividere con il governo informazioni sulle cyberminacce.

Il Presidente ritiene però che occorra fare di più affinché i cittadini abbiano gli strumenti necessari per proteggersi, le aziende possano difendere le loro attività e i loro dati e il governo stesso possa avere sempre più strumenti per proteggere il popolo americano e le informazioni che cittadini e imprese affidano agli enti governativi.

Nel concreto, l'amministrazione investirà più di 19 miliardi di dollari in cybersecurity come parte del budget federale di 4.100 miliardi di dollari che il Presidente ha indicato per l'anno fiscale 2017; la cifra rappresenta un incremento di oltre il 35% rispetto alle risorse federali complessive previste nell'anno fiscale 2016 per la cybersecurity.

Obama ha anche deciso di istituire una commissione speciale dedicata al potenziamento della cybersicurezza del Paese, la Commission on Enhancing National Cybersecurity, di cui fanno parte esperti di economia, tecnologia, strategie politiche esterni al governo, tra cui alcuni membri designati da entrambi i partiti del Congresso.

Compito di questa commissione è fornire raccomandazioni dettagliate sulle azioni che potranno essere intraprese nell'arco del prossimo decennio per aumentare la consapevolezza sui rischi cibernetici e sulle misure di protezione in tutto il settore privato e in tutte le strutture del governo, per proteggere la privacy, preservare la sicurezza pubblica ed economica e aiutare tutti gli americani ad assumere il controllo della loro sicurezza digitale. In questa mission la commissione sarà supportata dal National Institute of Standards and Technology. Da notare che la Commission riporta direttamente al Presidente degli Stati Uniti, cui illustrerà i risultati dei suoi studi e le raccomandazioni che pensa di fornire. Le linee guida arriveranno prima della fine del 2016.

©RIPRODUZIONE RISERVATA 10 Febbraio 2016

TAG: cybersecurity, Barack Obama, Cnap, Cybersecurity National Action Plan, privacy, Casa Bianca, Congresso, Cybersecurity Act, Commission on Enhancing National Cybersecurity, National Institute of Standards and Technology

SCARICA L'APP PER IL TUO
SMARTPHONE O TABLET
App Store App Store