Ibarra: "Italia a punto di svolta con banda ultralarga e digitale"

IL SUMMIT DI NEW YORK

Il ceo di Wind a New York per il summit "Italy meets the United States of America": "Cambieranno paradigmi di consumo e modelli di business. Ma vanno innovati anche i sistemi formativi. Imprese italiane devono cambiare pelle"

di Mila Fiordalisi

“La banda ultralarga sarà uno dei motori dell’innovazione del nostro Paese. Cambieranno paradigmi di consumo, modelli di business, rapporti tra cittadini, imprese e istituzioni”. Lo ha detto Maximo Ibarra, amministratore delegato di Wind, a margine del summit “Italy meets the United States of America” di Italian Business & Investment Initiative in corso a New York.

“Siamo ad un punto di svolta, precisa, perché società ed economia digitale, accesso e connettività, ricerca e innovazione richiederanno il contributo di nuove risorse e nuovi modelli di produzione e distribuzione del valore". Il futuro della nostra crescita, aggiunge il ceo di Wind, non sarà legato, però, solo all’ampliamento delle infrastrutture digitali. "Vanno innovati, infatti, anche i nostri sistemi  formativi per costruire skill e competenze in linea con le sfide determinate da questo profondo processo di cambiamento". E qui "serve anche il contributo delle imprese italiane - conclude Ibarra - che per restare competitive, dovranno cambiare pelle e far propri i nuovi driver di sviluppo basati su open innovation, sharing economy e digital disruption”.

©RIPRODUZIONE RISERVATA 23 Febbraio 2016

TAG: banda ultralarga, economia digitale italia, wind digitale

SCARICA L'APP PER IL TUO
SMARTPHONE O TABLET
App Store App Store