Almaviva, vinto il bando quadriennale dell'Europol

TECNOLOGIA

Il Gruppo italiano supporterà e gestirà il patrimonio applicativo e le infrastrutture informatiche della Polizia Europea. Contratto fino al 2018, per un valore complessivo di 35 milioni

di Andrea Frollà

Il supporto, l’evoluzione e la gestione del patrimonio applicativo e dell’infrastruttura della Polizia Europea saranno gestiti fino al 2018 da AlmavivA. Il Gruppo italiano specializzato in sistemi e soluzioni ICT si è infatti aggiudicato 4 lotti del bando Europol, per un valore complessivo di 35 milioni di euro in 4 anni. L’azienda lavorerà come capofila all’interno di un consorzio con Trasys, Econocom Managed Services e Indra Systemas.

Una vittoria importante che testimonia la competitività delle tecnologie di Almaviva in ambito europeo, dove la compagnia sta cercando di crescere a ritmi sostenuti soprattutto dopo l’apertura strategica datata ottobre 2014 di AlmavivA de Belgique, diretta da Fabio Mazzarini. Non a caso, oltre ad Europol, il Gruppo conta già altri bandi aggiudicati all’interno del contesto comunitario. Come i 3 lotti di un Framework contract agreement, DESIS III, di durata quadriennale (2014-2018) stipulato con la Direzione Generale Informatica della Commissione Europea e l’altro FWC Agreement, ITSS III, anch’esso di durata quadriennale (2015-2019) stipulato sempre con la stessa organizzazione.

Insomma, le soddisfazioni per il Gruppo ICT non mancano, anche alla luce della selezione vinta a febbraio 2015, che porterà AlmavivA in raggruppamento con Deloitte ITALIA e Deloitte BELGIO ad erogare servizi di Business Transformation Project per il cliente EFSA (European Food Safety Agency) a Parma. Senza contare infine il recente lotto di Framework Contract Agreement stipulato con il Parlamento Europeo.

©RIPRODUZIONE RISERVATA 15 Marzo 2016

TAG: almaviva, bando, europol, ue, europa, contratto

SCARICA L'APP PER IL TUO
SMARTPHONE O TABLET
App Store App Store