Vola il business di Tickebis, nel 2015 fatturato a +57%

IL BILANCIO

Boom del portale di compravendita di biglietti: ricavi a 85 milioni. Traina l'Europa, ma si consolidano anche i risultati nella regione Asia-Pacifico. Il ceo Uriarte: "Focus sul Medio Oriente"

di F.Me

Vola il business di Ticketbis. Il portale di compravendita di biglietti ha chiuso i conti dell’esercizio 2015 con un fatturato di 85 milioni di euro, un 57% in più rispetto al 2014. L’impulso di questo risultato è arrivato già dai primi mesi dell’anno, con febbraio che ha fatto registrare il record storico della società in quanto a numero di transazioni e guadagno. Ticketbis compie il suo sesto anno di attività, il quinto in Italia, raccogliendo i frutti della sua presenza internazionale che, al giorno d’oggi, raggiunge oltre 40 paesi.

“Siamo molto orgogliosi di presentare dei risultati così soddisfacenti dopo 5 anni di operazioni, un momento che molte startup nemmeno raggiungono, ed è particolarmente significativo che continuiamo a crescere in modo considerevole in paesi maturi come l’Italia o il Regno Unito. Ciò è indicativo del fatto che il nostro business ha ancora una lunga strada da percorrere - spiega il ceo Jon Uriarte, ceo e co-founder di Ticketbis - In Italia, ad esempio, le vendite di biglietti per concerti e festival nel 2015 hanno raggiunto un 21% del totale, un 5% in più rispetto al 2014, essendo un settore con molte opportunità ancora da sfruttare, mentre il calcio continua ad essere il protagonista indiscusso".

Oltre il 52% del fatturato procede da Emea (Europe, the Middle East and Africa) con Regno Unito, Spagna e Italia in testa. La performance della regione Apac (Asia e Pacifico) si consolida con oltre il 13% del fatturato del gruppo e Ticketbis prevede che paesi come il Giappone guadagnino un maggior peso nel fatturato futuro grazie ad ingaggi chiave nel team giapponese. L’America, invece, mantiene la posizione con entrate che rappresentano oltre il 34% del totale: in cima alla lista dei paesi, Argentina, Messico e Brasile.

Il 2015 è stato un anno particolarmente positivo per la versione mobile di Ticketbis, il cui traffico a livello globale supera già il 50% del totale. Inoltre, il tasso di conversione da dispositivi mobile è migliorato in modo significativo, crescendo del 40% rispetto al 2014. Anche quest’anno la Società presenta dei risultati che dimostrano il suo buon stato di salute e che la posizionano come una delle scommesse sicure per gli investitori. Finora l’azienda ha ottenuto un totale di 14 milioni di euro in finanziamenti ed è in attesa di chiudere un nuovo round nel 2016.

Un 28% degli utenti di Ticketbis ha acquistato biglietti per assistere ad eventi fuori dal loro paese. L’aggressiva strategia d’espansione internazionale realizzata dal Portale, facilita l’accesso ad eventi in tutto il mondo ed è uno dei suoi principali vantaggi rispetto alla concorrenza. Il peso delle vendite internazionali sul totale del fatturato globale è cresciuto un 22% rispetto all’anno precedente. Sul fatturato italiano, concretamente, questa cifra è aumentata di quasi l’80% grazie al numero di grandi concerti ed appuntamenti calcistici fuori casa a cui hanno assistito gli italiani.

Gli eventi all’estero più venduti in Ticketbis Italia nel 2015 sono stati il concerto dei Coldplay a Nizza, la Semifinale e Finale dell’Europa League della scorsa stagione a Varsavia e lo scontro tra Monaco e Juventus dei quarti di Champions League.

“Nel processo evolutivo dell’industria del ticketing, i canali di vendita ufficiale e quelli di rivendita sono in via di unificazione, come succede ormai da anni negli Stati Uniti con la Nba o la Nfl, competizioni in cui ogni club ha un partner ufficiale in qualità di marketplace per la compravendita di biglietti”, assicura Uriarte.

Una delle principali scommesse della società per il 2016 è proprio quella di crescere in questo versante, firmando partnership ed acccordi con diversi attori del mercato perchè “tutti possiamo trarre benefici dalle alleanze e offrire ai nostri utenti un servizio più efficiente e completo”. Ticketbis è già partner ufficiale di club come il Tottenham Hostspurs (Premier League) o l’FC Tokyo, così come di promoter musicali come Lamc a Singapore o il Festival Estéreo Picnic in Colombia. “La nostra presenza internazionale è un asse fondamentale per poter arrivare ad accordi di questo tipo. Di fatto, nel 2016 vogliamo continuare ad includere nuovi paesi nell’offerta della piattaforma ed il Medio Oriente è una delle principali mete a breve termine”.

 

 

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA 18 Marzo 2016

TAG: ticketbis, uriarte

Articoli correlati

SCARICA L'APP PER IL TUO
SMARTPHONE O TABLET
App Store App Store