Zte-IsiaMed, modello made in Italy per le smart city

INTESE

Sottoscritta la dichiarazione d'intenti per il progetto strategico "Smart modello digitale italiano". Obiettivo la creazione di un piano di sviluppo digitale che valorizzi le caratteristiche del territorio

Modello made in Italy per smart city. Il progetto è frutto della dichiarazione d'intenti fra Zte e isiaMed. E' stata sottoscritta dall’amministratore delegato Zte Hu Kun e dal presidente Gian Guido Folloni e l’ad Vincenzo Sassi (nella foto) di IsiaMed. Il progetto fa perno sul rispetto delle caratteristiche peculiari, sociali ed economiche dei territori : sono 7.978 le identità comunali che rendono l’Italia la realtà mondiale più diversificata nella cultura, nella storia, nei dialetti, nella tipicità agroalimentare, così come nell’offerta turistica e di ogni parte del brand “Made in Italy”. Questa dote, sociale ed economica, deve trovare nuove opportunità nell’economia digitale.

“Smart Modello Digitale Italiano” è un progetto strategico che si differenza perché parte dall’analisi delle attività prodotte dalla persona del territorio, ricerca soluzioni di innovazione, rispettando la cultura locale. Inoltre, consente alla micro e piccola impresa, così come al piccolo Comune, di utilizzare servizi e prestazioni sinora utilizzabili solo dalla grande azienda o dalle amministrazioni capoluogo di regione.

Il modello di business è “economicamente  resiliente”  per l’amministrazione  comunale e il distretto produttivo, ed è coerente con le norme comunitarie, nazionali e regionali.

IsiameD e Zte stanno lavorando per l’individuazione del primo Territorio test, perché possa rappresentare, per dimensione e per tipicità, le declinazioni delle diverse personalizzazioni del modello digitale italiano della proposta Zte Smart City.

 

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA 16 Giugno 2017

TAG: zte, isiamed, hu kun, folloni, sassi

SCARICA L'APP PER IL TUO
SMARTPHONE O TABLET
App Store App Store