Bertoluzzo: "Senza Ngn niente innovazione"

ELEZIONI 2013

Su quali strategie di legislatura deve puntare il nuovo governo? Quali sono i tre punti prioritari da affrontare nei primi 100 giorni? Rispondono i top manager dell’industry Ict. Ecco la ricetta di Paolo Bertoluzzo, ceo di Vodafone Italia e Sud Europa

Realizzare l’Agenda digitale per liberare il potenziale di crescita e di innovazione del Paese: è da qui, e dalla strada già tracciata con il decreto Crescita 2.0, che dovrebbe partire il prossimo Governo. E quindi digitalizzazione e innovazione della Pubblica amministrazione, della scuola, della sanità, e della giustizia; dalla cui efficienza - o inefficienza - dipende il grado di attrattività dell’Italia per gli investimenti esteri. E poi semplificazione nella realizzazione delle reti in banda ultra larga, sia fisse che mobili. Perché senza infrastrutture adeguate non è possibile una vera trasformazione digitale del Paese. E qui mi riferisco soprattutto alle reti fisse di nuova generazione, sul cui fronte l’Italia sta accumulando un forte ritardo, sia sotto il profilo degli investimenti che di quello della dinamica dei prezzi su cui pesa l’ancor scarso grado di concorrenza.

Molto importante sarà promuovere le nuove forme di pagamento digitale e mobile e dare piena attuazione al provvedimento sul mobile ticketing nei trasporti locali, con la partecipazione degli operatori e dell’intera industria.  E se innovazione è uguale crescita, fondamentale sarà dare vita e continuità ai provvedimenti dell’Agenda digitale sulle start up. Un ambito in cui, con l’acceleratore di Start up Vodafone xone, siamo impegnati in modo diretto. È arrivato il momento di rendere viva l’Agenda digitale, liberando finalmente il potenziale di crescita che nel Paese esiste, e della cui espressione c’è assoluta necessità.

©RIPRODUZIONE RISERVATA 21 Gennaio 2013

TAG: paolo bertoluzzo, vodafone, agenda digitale

SCARICA L'APP PER IL TUO
SMARTPHONE O TABLET
App Store App Store