Panero (Tts Italia): "Istituire un fondo per i sistemi Its"

ELEZIONI 2013

Il presidente dell'associazione: "Necessario spingere l'acceleratore sull'emanazione dei decreti attuativi dell'Agenda digitale". I trasporti "intelligenti" al centro della strategia di riorganizzazione delle città

di Enzo Lima

Il 50% di una smart city la fa la smart mobility. Ed è per questa ragione che è necessario spingere l’acceleratore sull’emanazione dei decreti attuativi dell’Agenda digitale nei tempi prefissati”. Ne è convinta Rossella Panero, presidente di TTS Italia, associazione che rappresenta un’ottantina di hardware e software house di grandi e medio-piccole dimensioni specializzate nella produzione di soluzioni hi-tech e sistemi IT per il mondo dei trasporti e che vede in campo anche università ed enti locali.

In un'intervista a Agendadigitale.eu Panero sottolinea che “le sfide sono molte e come associazione di settore diamo piena disponibilità a mettere in campo tutte le nostre competenze. E auspichiamo l’istituzione di un tavolo di coordinamento nazionale, che veda in campo i rappresentanti di governo e delle associazioni rappresentative del comparto produttivo, nonché la creazione di un fondo per i sistemi di Its”. TTS Italia da parte sua ha predisposto una proposta di Piano di azione, con le principali associazioni di settore – fra cui Anfia, Assoporti, Asstra, Federtrasporto, Unrae – e, per quanto attiene ai sistemi di pagamento, con Club Italia.

Riguardo specificamente all’istutizione del fondo, Panero puntualizza che “non si chiede di destinare agli Its risorse pubbliche che non ci sono, in particolare in questo momento di crisi, ma di identificare e mettere a fattor comune i fondi già allocati, come ad esempio quelli in capo ai vari ministeri e agli enti locali, ma anche quelli europei”.

©RIPRODUZIONE RISERVATA 09 Gennaio 2013

TAG: rossella panero, tts italia, direttiva 40/2010, agenda 2013

SCARICA L'APP PER IL TUO
SMARTPHONE O TABLET
App Store App Store