Belgacom diversifica il business puntando sull'energia "verde"

STRATEGIE

L’incumbent belga delle telecomunicazioni tratta con il fornitore di elettricità Lampiris per diventare  venditore di energia pulita

di Patrizia Licata
Il principale operatore di telecomunicazioni del Belgio, Belgacom, medita l’ingresso nel settore dell’elettricità per diversificare le sue fonti di guadagno. E’ quanto riporta il quotidiano belga Le Soir: l’incumbent telecom è in trattative con il fornitore belga di gas e energia elettrica Lampiris per vendere elettricità.

Le trattative tra Belgacom e Lampiris per un’eventuale collaborazione sono in corso dal 2008 e uno degli esiti possibili è che l’azienda telecom compri una quota nella società dell’energia, secondo Le Soir. Lampiris vende gas e elettricità “verde”, ovvero generata da fonti di energia rinnovanile, come vento e biomassa, ma non ha suoi siti di produzione e compra l’elettricità da fornitori belgi indipendenti. L’attrattiva per Belgacom è essere accostata a un’azienda con una forte immagine di sostenibilità ambientale; in più, secondo Le Soir, la capillare forza vendita della telecom potrebbe costituire un importante punto di forza della collaborazione con Lampiris.

02 Marzo 2010