Brissa Executive Vp Emea

CROSSGATE

A un anno dalla sua promozione a Managing Director tedesco di Crossgate, Antonio Brissa cresce ancora e diventa Executive Vice President Emea, andando a formare il board esecutivo dell’azienda.

Nella nuova posizione Brissa è responsabile di tutta l’area Emea e gestisce un vasto territorio globale che annovera oltre 2.500 clienti e rappresenta una parte importante del fatturato del gruppo internazionale.

Una carriera importante quella di Antonio Brissa che, approdato in Crossgate all’inizio del 2003, a tre anni di distanza ha stabilito in Italia la prima sede estera dell’azienda tedesca, portandola al successo in pochi anni e collezionando sul territorio clienti del calibro di Bolton, Finiper, Ferrari Spumanti, Alessi, Guzzini e molte altre.

“Mi fa molto piacere che il lavoro svolto in Italia con la mia squadra sia ora un modello da esportare anche negli altri Paesi in cui Crossgate è attiva” sottolinea Antonio Brissa. “Ciò significa che localmente abbiamo trovato la giusta ricetta per affrontare il mercato: si potrebbe dire che la combinazione tra l’efficienza tedesca e la creatività italiana, che ha portato al successo la filiale italiana, verrà applicata anche all’estero per favorire lo sviluppo del business in tutta Europa, incluso la Germania”.

Brissa è entrato a far parte del team di Crossgate all’inizio del 2003 e nel corso della sua permanenza ha assunto la responsabilità per lo sviluppo delle attività aziendali nel settore logistico, retail, Gdo e automotive su grandi account e anche con particolare riferimento al mercato italiano, diventando all’inizio del 2006 Director International, responsabile per lo sviluppo internazionale dell’azienda. Nello stesso anno apre la sede italiana diventandone Presidente e nel 2010 assume anche il ruolo di Managing Director tedesco con la responsabilità per le attività del gruppo in Germania, Svizzera e Austria.

Antonio Brissa, laureato in Economia e Commercio alla Leipzig Graduate School of Management di Lipsia, è nato a Heidelberg (Germania) nel 1970.

16 Marzo 2011