Ricoh taglierà 10mila posti nell'arco di tre anni

LICENZIAMENTI

L'azienda giapponese specializzata in soluzioni software per gli uffici, pronta a ridimensionare del 10% la forza lavoro

di Andrea Ciccolini
Ricoh, gruppo giapponese di materiale per ufficio, ha annunciato la soppressione di 10mila posti di lavoro in tutto il mondo nei prossimi tre anni, corrispondente a circa il 10% della sua forza lavoro. Secondo quanto riportano i media giapponesi, l’obiettivo della manovra è il miglioramento della redditività dell’azienda.

Specializzata in prodotti e soluzioni software per l'elaborazione di immagini e di networking per ufficio, tra cui le fotocopiatrici, secondo quanto riporta il quotidiano Nikkei Business, la società ridurrà la propria forza lavoro sia in Giappone che all'estero.

Ricoh impiega circa 40.000 persone in Giappone e 68.900 all'estero, in tutti i continenti. Un mese fa, Ricoh ha annunciato un calo del 29,5% dell'utile netto nel periodo 2010-2011 rispetto all'anno precedente, un cattivo risultato spiegato con gli effetti negativi del prezzo elevato dello yen e con l'impatto del terremoto in Giappone.

26 Maggio 2011