Kaspersky: "Governi collaborino contro cyberterrorismo"

SICUREZZA

Appello del Ceo della security company russa: "Software house e Stati devono lavorare insieme per prevenire la minaccia hacker e i rischi connessi alla diffusione del cloud"

di P.A.
Eugene Kaspersky, Ceo e cofondatore di Kaspersky Lab, nel corso del suo intervento al Business Software Alliance (Bsa) Cybersecurity Forum de 14 giugno a Bruxelles, ha lanciato un appello a tutte le software house e ai governi: "La cooperazione internazionale ed intergovernativa è estremamente importante per la lotta contro il cyber terrorismo su scala mondiale, Kaspersky Lab sostiene da sempre tale cooperazione. L’avvento del cloud computing, e i nuovi interessi dei cyber criminali rendono necessario lo sviluppo di nuove tecnologie".

"Nel 2010 i malware sono aumentati di 20 milioni rispetto al 2009 ma soprattutto si sono registrati nuovi interessi da parte dei cyber criminali come ad esempio gli attacchi al mobile", ha aggiunto Kaspersky che ha anche condiviso la sua visione sulle innovazioni tecnologiche, prestando particolare attenzione alla sicurezza del cloud.

Bsa Cybersecurity Forum riunisce gli esponenti governativi ed esperti di aziende hitech, che possono confrontare le proprie esigenze ed analizzare le problematiche IT cercando una soluzione congiunta per combattere il cyber terrorismo a livello globale. Il punto focale di quest’anno è stata la protezione dei dati personali e la protezione del trasferimento di dati internazionali nell’era del cloud computing.

16 Giugno 2011