Siemens IT Solutions and Services nelle mani di Atos

MERCATI

Completata l'operazione da 426 mln di euro. Il Ceo Breton: "Lasceremo il segno sul mercato". Gli uffici italiani guidati da Iannetti

di F.Me.
Siemens IT Solutions and Services nelle mani di Atos. La società internazionale di servizi IT ha infatti completato la transazione, approvata 99,99% degli azionisti nel corso dell’assemblea straordinaria degli azionisti tenutasi lo scorso 1 luglio nel quartier generale di Bezons. Con l’operazione Atos punta a diventare un nuovo IT Champion con fatturato provvisorio - per l’anno 2010 - di 8,7 miliardi di euro e 78.500 dipendenti in 42 Paesi.
A titolo di corrispettivo per il conferimento, Siemens ha ricevuto azioni Atos pari al 15% del capitale azionario, obbligazioni convertibili in azioni - nuove o esistenti - per un importo nominale pari a 250 milioni di euro, e un pagamento in contanti di 176 milioni di euro.

“Un nuovo capitolo si apre nella nostra storia che ci porterà a diventare uno tra i primi 10 fornitori al mondo di servizi IT – commenta Thierry Breton, presidente e Ceo di Atos - La fusione di Atos Origin e Siemens IT Solutions and Services segna un’entusiasmante evoluzione nel mercato IT. È la nostra occasione di lasciare il segno, di scrivere la storia con i nostri clienti, di introdurre idee completamente nuove nel mercato, di continuare a promuovere il progresso. Questa alleanza è perfetta per accelerare il progresso e offrire valore ai nostri azionisti, dipendenti e clienti”.

“L’expertise e le conoscenze congiunte di Siemens IT Solutions and Services e Atos Origin ci pongono in una posizione unica per sostenere i nostri clienti nella nuova era dell’IT – prosegue Breton - Noi di Atos vantiamo un’esperienza che non teme rivali nell’ambito dei servizi transazionali e, come fornitore numero uno in Europa di data centre, abbiamo il miglior posizionamento possibile per aiutare i nostri clienti a passare al cloud senza criticità e per beneficiare di una maggiore flessibilità e costi ridotti”.

La nuova società è una potente combinazione di due organizzazioni fortemente complementari: Atos Origin e Siemens IT Solutions and Services, ora confluiti in Atos – il nuovo nome e il nuovo brand sono stati svelati in occasione dell’assemblea dei soci - daranno vita a un leader nei servizi IT chiave e business-critical.
Nei managed services, l'acquisizione di Siemens IT Solutions and Services incrementa di più del doppio le capacità e il raggio d’azione di Atos posizionando il nuovo IT Champion come uno dei leader nel cloud computing, con 30 tra i maggiori data centre, 900.000 utenti Sap e la gestione di oltre 90.000 server a livello mondiale.

Il rapporto tra Atos e Siemens ha tre dimensioni. Siemens diventa un azionista Atos, proprietario di una quota del 15% nonché il più grande cliente Atos. Inoltre le due società hanno formato una partnership strategica globale per lo sviluppo congiunto di nuovi prodotti e soluzioni IT per i quali entrambe le parti s’impegnano a investire 50 milioni di euro ciascuno. Questa partnership strategica darà il via a importanti collaborazioni per affrontare gare di appalto di grandi dimensioni e a un impegno congiunto in ambito R&D nei mercati chiave, in modo da rafforzare l'innovazione e assicurare nuove opportunità di business in tutti i mercati.

In Italia Atos sarà guidata, con il ruolo di country manager, da Emanuele Iannetti, già Ad di Siemens IT Solutions and Services Italia.

A seguito dell’operazione il Gruppo, ha confermato i suoi obiettivi per il 2013: ricavi dai 9 ai 10 miliardi di euro; margine operativo al 7-8 %; Eps da aumentare di oltre il 50% rispetto al 2011 e free cash flow compreso tra 350 e 400 milioni di euro.

Contestualmente all’acquisizione Atos ha siglato con Siemens un accordo nell’ambito dell’IT outsourcing – del valore di a 5,5 miliardi di euro per sette anni - per assumere la piena gestione di tutte le infrastrutture, applicazioni e servizi IT.

05 Luglio 2011