Dada, ricavi e perdite in aumento. Indebitamento netto dimezzato

SEMESTRALI

La web company fiorentina chiude il primo semestre con un fatturato in crescita dell'11%, a fronte di un rosso passato da 1,7 a 2,3 milioni di euro

di P.A.
Dada (gruppo Rcs) ha registrato nel primo semestre perdite nette per 2,3 milioni, rispetto agli 1,7 milioni al 30 giugno 2010. I ricavi sono saliti dell'11% da 36,2 milioni a 40,2 milioni. Lo annuncia una nota aziendale, aggiungendo che la posizione finanziaria netta si è ridotta a 25,5 milioni, dai 50,6 milioni di fine 2010.

Nel corso del primo semestre è stata ceduta Dada.net. L'azienda fiorentina sottolinea come l'operazione si inserisca nell'ambito della strategia di razionalizzazione del portafoglio di attività, che ha consentito di focalizzare più efficacemente le risorse finanziarie e manageriali del gruppo, sia di ridurre in modo significativo l'indebitamento consolidato.

Per l'intero esercizio l'azienda prevede ora ricavi e mol di gruppo sostanzialmente in linea con l'andamento registrato nel primo semestre.

Nel dettaglio, la divisione Dada.pro ha registrato nei primi sei mesi del 2011 ricavi per 40,2 milioni di euro contro 37 milioni del primo semestre 2010; in particolare, i ricavi verso terzi (al netto dei ricavi intersettoriali) si sono attestati a 39,8 milioni in crescita dell'11%. Nel semestre in esame i ricavi generati dall'offerta di servizi professionali per la registrazione di domini e di hosting e per la protezione del brand in Rete hanno rappresentato il 70% circa dei ricavi della divisione, mentre il business dell'advertising o-line ha contribuito per il restante 30%; entrambi i comparti hanno riportato ricavi in crescita rispetto al primo semestre del 2010.

I Paesi più rilevanti in termini di contribuzione al fatturato nel periodo si sono confermati Italia, UK, Francia, Spagna, Irlanda e Portogallo.

Nel corso dei primi sei mesi del 2011 Dada.pro, che oggi conta circa 480mila clienti per un totale di oltre 1,7 milioni di domini gestiti, ha confermato la sua presenza forte a livello europeo nel settore dei servizi professionali per la registrazione di domini e di hosting nonché dei servizi per la protezione del brand in Rete, posizionandosi tra i primi cinque player del mercato in Italia, UK, Francia, Irlanda e Portogallo.

Nel periodo in esame, la divisione ha perseguito con successo gli obiettivi di: i) integrazione delle piattaforme e dell'offerta dei prodotti di hosting dedicato e virtuale di Poundhost nella piattaforma di Namesco in UK, consentendo di cogliere sia sinergie di costo sia opportunit&agrve; di business e ii) ampliamento del portafoglio di servizi offerti tramite il lancio di nuove applicazioni tra cui “WebSite” e “E-commerce” - servizi per la creazione in modo semplice rispettivamente di siti web professionali e di siti di commercio elettronico – e l'avvio della collaborazione strategica con Sedo, il più importante marketplace di nomi a dominio, per rendere possibile ai propri clienti l'utilizzo dell'aftermarket.

Con l'obiettivo di una sempre maggiore digitalizzazione delle Pmi italiane, si segnala inoltre l'avvio dal mese di maggio del nuovo progetto “LaMiaImpresaOnline.it”, nato da una partnership con Google al fine di offrire alle piccole e medie imprese strumenti professionali per essere presenti e cogliere le opportunità di business offerte dalla rete: all'interno di questa collaborazione Dada fornisce l'utilizzo della propria piattaforma di e-commerce.

Nell'advertising online, Dada.pro ha proseguito la strategia di rafforzamento dell'offerta di advertising scalabile, grazie al consolidamento del servizio Peeplo, al continuo perfezionamento degli algoritmi proprietari e la stretta collaborazione con i principali Ad Network mondiali, nonché tramite il rilascio di nuovi modelli scalabili a livello internazionale quali "Save n' keep" e di nuovi portali tematici quali Sconti.it in Italia e OnlyTopDeals.co.uk in UK.

La divisione Corporate ha registrato nel primo semestre del 2011 ricavi per 2,4 milioni di Euro (in linea con i 2,5 milioni di euro nel primo semestre 2010).

27 Luglio 2011