Ibm spinge sulla security: via all'acquisizione di i2

BUSINESS ANALYTICS

Accordo definitivo per rilevare entro l'anno la società specializzata in soluzioni per la prevenzione di reati e frodi nel comparto pubblico e privato. Hayman: "Puntiamo a migliorare la difesa della privacy e la sicurezza dei dati"

di P.A.
Ibm ha annunciato un accordo definitivo per l’acquisizione di i2, con l’obiettivo di accelerare le sue iniziative nell’ambito della business analytics e aiutare i clienti del settore pubblico e privato ad affrontare reati, frodi e minacce alla sicurezza. Non sono stati resi noti i termini finanziari.

Con più di 4.500 clienti in 150 paesi, i2 è fornitore di intelligence analytics per la prevenzione di reati e frodi, con sede a Cambridge, Regno Unito e quartier generale statunitense a McLean, Virginia. I clienti di i2 spaziano tra diversi settori: bancario, difesa, assistenza sanitaria, assicurazioni, forze dell'ordine, sicurezza nazionale e retail. Le soluzioni i2 sono utilizzate attualmente da 12 delle prime 20 banche retail e da otto delle prime 10 case farmaceutiche del mondo.

Le organizzazioni sia del settore pubblico sia di quello privato si trovano oggi ad affrontare una crescita esponenziale dei "Big Data” – informazioni e intelligence provenienti da fonti disparate e non strutturate, tra cui social media, biometrica e database criminali. Quando sono accessibili alle persone giuste, queste informazioni possono essere usate per prevenire possibili problemi, prendere decisioni migliori e più rapide e coordinare le risorse per fornire un servizio d’eccellenza a cittadini e clienti.

L’acquisizione di oggi estende la capacità di Ibm nell’aiutare i clienti a sfruttare questi dati, grazie all’apporto delle funzionalità di analisi dell’intelligence e generazione di lead tattici, che consentono a città, nazioni, organismi internazionali e imprese private di combattere le frodi e le minacce per la sicurezza.

La riduzione delle frodi e delle minacce per la sicurezza riveste ormai un’importanza strategica in tutti i settori. Secondo le statistiche dell’Fbi, negli Stati Uniti nel 2009 ci sono stati 1,3 milioni di crimini violenti, 9,3 milioni di reati contro il patrimonio e 6,3 milioni di furti. Le frodi relative ai consumatori per le aziende del retail da sole costano negli Stati Uniti 100 miliardi di dollari l’anno.

In risposta a queste minacce, le aziende e le agenzie pubbliche cercano di dotare i funzionari della pubblica sicurezza, gli analisti, i responsabili, i detective e gli investigatori di soluzioni di intelligence analytics e operational insight. Ad esempio, le agenzie governative si preoccupano oggi dell’aumento delle minacce alla sicurezza pubblica, che generano la necessità di una condivisione sicura delle informazioni.

"L’obiettivo di Ibm è di dotare i funzionari della pubblica sicurezza e le aziende delle informazioni e degli strumenti necessari per garantire città più sicure - dice Craig Hayman, General Manager di Industry Solutions in Ibm - Le funzionalità associate di Ibm e i2 aiuteranno i clienti a scoprire modelli e tendenze che consentiranno loro di proteggere con più efficacia la privacy e la sicurezza di cittadini, imprese e amministrazioni pubbliche".

"La combinazione dei prodotti di i2 e delle tecnologie avanzate di raccolta dei dati e data warehousing di Ibm risulterà vincente per i clienti che cercano di aumentare la consapevolezza della situazione e stabilire collegamenti tra informazioni apparentemente non correlate, da una marea di dati - dice Robert Griffin, Ceo di i2 - I clienti esistenti di i2 si troveranno a proprio agio con Ibm, un’azienda nota per la sua capacità di aiutare le organizzazioni a sfruttare al meglio il proprio patrimonio di dati".

02 Settembre 2011