Bt, arriva il nuovo servizio Vdc per il cloud computing

IT WORLD

Per aiutare le grandi aziende e la PA ad avere successo nell’attuale scenario economico e a prepararle ad affrontare le sfide del futuro

Un nuovo servizio Bt di Virtual Data Center per supportare le grandi aziende e la pubblica amministrazione ad avere successo nell’attuale scenario economico e a prepararle ad affrontare le sfide del futuro. Il servizio si basa su una piattaforma di infrastruttura dinamica e virtualizzata, che permette ai clienti di usufruire della infrastruttura It e di rete come un servizio, a domanda, e costituisce la base per i futuri servizi “cloud”.

Bt Vdc, presentato oggi da Bt all’Handelsblatt Telecommunications Market Europe Conference di Dusseldorf, in Germania, è il primo di una serie di innovativi servizi di networked It che Bt Global Services annuncerà quest’anno. Bt ha focalizzato i propri sforzi sull’innovazione di prodotto, ampliando la propria gamma di servizi voce/unified communications, servizi di rete, sicurezza, mobilità, infrastruttura di data e contact centres. Il nuovo servizio, unico nel mercato, sarà presto disponibile in tutti i data centres a livello Emea e ciò consentirà a Bt di fornire veri servizi enterprise class. La seconda chiave di differenziazione rispetto ai competitor è che Bt offre tutta una serie di applicazioni e di servizi quali server, storage, reti e sicurezza che sono orchestrati ed erogati automaticamente attraverso il suo portale online. I clienti, tramite il portale infatti, possono facilmente modificare la propria infrastruttura in tempo reale per tutta la durata del contratto. I clienti Bt potranno inoltre virtualizzare molte delle loro esigenze di rete e It con livelli di servizio richiesti.

Utilizzando l’infrastruttura di Bt enterprise class, Bt Vdc offre alle grandi organizzazioni i benefici del “cloud computing” enterprise class con un risparmio significativo per i clienti rispetto alle tradizionali infrastrutture hosted. Come parte dell’offerta di Bt Vdc, i clienti potranno acquistare singoli componenti virtualizzati ed accedervi attraverso un’infrastruttura pre-attivata. Virtual server, storage, sicurezza e networking saranno disponibili, in automatico e gestiti attraverso un portale on-line e supportati da un unico servizio di help desk.

18 Giugno 2009