Niente aumento dell'Iva per i clienti di Computer Discount

GRANDE DISTRIBUZIONE

Cdc, proprietaria della catena di negozi per l'informatica, non aumenta i prezzi dei prodotti stampati sui volantini. Stesso trattamento per chi compra da Essedi. "La tutela dell'utente finale è per noi un valore importante"

di E.L.
Nessuna sorpresa dall’aumento dell’Iva per i clienti di Computer Discount ed Essedi. Cdc, la società proprietaria delle due catene di negozi, conferma che l’aumento dell’imposta non riguarderà i clienti che avranno consultato il volantino delle offerte attualmente in vigore di queste due catene.

Le due insegne di Cdc infatti hanno deciso che nei negozi non verranno aumentati i prezzi già stampati sui flyer, nonostante nel frattempo sia intervenuto l’incremento dell’aliquota Iva.

“Nel rispetto dei clienti di Computer Discount ed Essedi – spiega una nota - Cdc, proprietaria delle due insegne, ha deciso di mantenere la coerenza tra i prezzi promessi dai volantini, stampati prima dell’aumento dell’Iva e oggi in vigore, con i prezzi praticati nei negozi, senza scaricare sui clienti il maggior onere intervenuto con la variazione dell’Iva”.

“Nonostante la redditività dell’informatica sia ormai tale da rendere prezioso ogni punto percentuale di margin- prosegue Cdc - la tutela dei clienti è infatti, nell’etica di Computer Discount e di Essedi, un valore troppo importante e solido per rinunciarvi, persino in una simile circostanza”.

Così, per tutto il periodo di validità dei volantini appena usciti, i clienti avranno il vantaggio di trovare ancora i prodotti in offerta con i prezzi all’utente finale definiti prima dell’aumento dell’Iva, quando l’incidenza era del 20% anziché dell’attuale 21%.

23 Settembre 2011