Trasporti, in Italia cresce del 20% la spesa in soluzioni 'intelligenti'

DECENNALE TTS ITALIA

Il presidente di Tts Italia Gioacchino Gabbuti: "Si va in controtendenza rispetto all'economia ma resta da risolvere la questione dell'interoperabilità dei sistemi"

di Mila Fiordalisi
“La spesa in soluzioni Its, ossia di Intelligent Transport Systems, sta registrando un’impennata nell’ordine del 20-25%, in controtendenza con la situazione economica di mercato, a dimostrazione che la tecnologia è sempre più protagonista nel mondo del trasporto pubblico e privato”. È quanto ha sottolineato il presidente di Tts Italia Gioacchino Gabbuti in occasione dell’evento “Dieci anni di mobilità intelligente” in corso a Roma per celebrare il decennale dell’Associazione nazionale della telematica per i trasporti e la sicurezza che ad oggi conta 70 associati per un fatturato complessivo di circa 500 milioni di euro.

“L’Information technology e la telematica sono sempre più di casa nel mondo dei trasporti anche se resta da risolvere il problema della compatibilità e interoperabilità dei sistemi a livello nazionale. Le tecnologie non mancano, ma manca una strategia di insieme che metta a fattor comune le best practive ed eviti la polverizzazione di risorse e interventi”, ha detto il presidente. In occasione della celebrazione del decennale, l’Associazione ha fatto il punto sullo stato di avanzamento degli Its in grado di contribuire all’abbattimento del 20% i tempi di spostamento, del 15% le congestioni, del 10-15% la sicurezza, del 10% le emissioni di gas inquinanti e del 12% i consumi energetici.

23 Giugno 2009