Alenia Aeronautica, Fiom: "Il rilancio non vada a scapito dei lavoratori"

LA VERTENZA

All'indomani dell'incontro tra le parti sociali, il sindacato si dice disponibile ad affrontare una riorganizzazione che vada nel senso di recupero di competitività. Masat: "No alla chiusura dei siti e no ai licenziamenti"

di F.Me.
Il recupero di competitività di Alenia Aeronautica non è un obiettivo che può essere raggiunto a scapito dei lavoratori. A dirlo Massimo Masat, coordinatore nazionale Fiom-Cgil del gruppo Alenia Aeronautica, all'indomani dell'incontro tra le parti sociali.

"“Per quanto riguarda i contenuti specifici del piano, la Fiom ha espresso la sua disponibilità ad affrontare una riorganizzazione del Gruppo volta a un recupero di efficienza e di competitività - puntualizza il sindacalista - Nello stesso tempo ribadiamo con forza che tali obiettivi non possono essere perseguiti a scapito dei lavoratori. In particolare, qualsiasi ipotesi relativa a eventuali licenziamenti va nettamente respinta, sia per ciò che riguarda la prospettata chiusura di alcuni siti, sia per ciò che riguarda il tentativo di mascherare dei licenziamenti con percorsi che partano con un massiccio ricorso alla Cassa integrazione.”

La Fiom ha comunque "apprezzato - conclude Masat - la dichiarazione programmatica dell’azienda di considerare come un elemento di valore un auspicato accordo con i sindacati e di volerlo quindi raggiungere.”

13 Ottobre 2011