Europa debole, vendite di pc inferiori alle attese

HARDWARE

Il numero di unità vendute cresciuto appena del 3,2% nel terzo trimestre, a fronte di un incremento fissato da Gartner al 5,1%.  Hp primo produttore davanti a Lenovo che ha scalzato Dell

di P.A.
Vendite di pc ancora in crescita nel terzo trimestre dell’anno, ma sotto le attese degli analisti. Secondo Gartner, nei tre mesi da giugno a settembre sono state vendute 9,8 milioni di unità, un incremento del +3,2% rispetto allo stesso periodo del 2010, ma inferiore alla crescita del +5,1% prevista in precedenza dalla società di analisi. A pesare sul rallentamento del mercato globale dei pc la regione Emea, Europa in testa.

Una debolezza dovuta in parte all’avanzata dei tablet e che apre la stagione dei consolidamenti nel settore dei pc. Dopo la fusione di Lenovo con Nec e la sua acquisizione di Medion, si attende la decisione di Hp, che potrebbe scorporare oppure vendere il business dei pc.

HP è il primo produttore al mondo, con oltre 16 milioni di unità consegnate nel trimestre, una crescita del 5,3% e una quota di mercato del 17,7%. Al secondo posto è salita Lenovo con 12,3 milioni di unità consegnate, una crescita del 25,2% e una quota di mercato del 13,5%. Dell e Acer si trovano rispettivamente al terzo e quarto posto, la prima con 10,7 milioni di unità vendute, in calo dell’1,4% sull’anno scorso e una quota di mercato dell’11,6%. Acer invece ha subito un calo più pesante (-23,2%) con 9,7 milioni di unità vendute e una quota del 10,6%.

18 Ottobre 2011