Il Politecnico di Milano premia l'innovazione 2.0

UNICREDIT

UniCredit sceglie il web 2.0 e vince l’edizione 2011 dell’Enterprise 2.0 Innovation Award, sezione “Social Network & Community”. Un riconoscimento importante che l’Osservatorio Enterprise 2.0 della School of Management del Politecnico di Milano conferisce alle aziende che hanno saputo innovare al meglio i propri processi di comunicazione interna ed esterna, con strumenti 2.0 evoluti per sostenere la relazione fra le persone, la collaborazione, la crescita e diffusione della cultura aziendale.

Il progetto presentato da UniCredit si chiama OneNet, un social network professionale interno, che si propone di utilizzare gli strumenti web 2.0 per migliorare il flusso di processi interni e facilitare il knowledge sharing e la collaborazione a distanza tra i colleghi.

“In un Gruppo articolato come il nostro – ha dichiarato Paolo Cederle, responsabile di Group Operations & Ict Factories, prima area di UniCredit ad aver adottato OneNet - caratterizzato da un contesto dinamico di acquisizioni e riorganizzazioni aziendali di grande impatto, la necessità di sviluppare un’identità comune e di assicurare una comunicazione efficace e coerente per il raggiungimento degli obiettivi di business, ha da sempre ricoperto un ruolo prioritario. OneNet nasce per questo”.

La piattaforma si basa su due elementi principali:
- My Site: l’area personale di ogni utente che racchiude tutte le informazioni di carattere personale e professionale e consente la connessione con gli altri membri del network;
- Community: l’area collaborativa, in cui condividere interessi, informazioni e opinioni attraverso l’utilizzo di social features. Le Communities fortemente orientate al Business sono finalizzate allo scambio di informazioni relative a progetti e best practices. Ad oggi sono attive circa 55 Business Communities.

Sono le business community ad aver conquistato e convinto i giudici. Si legge infatti nella nota: “L’utilizzo diffuso e innovativo di 55 business community a supporto del Business e della creazione di un’identità comune di Gruppo” ha distinto OneNet dagli altri progetti. Un altro aspetto premiante è stato il meccanismo di governance del progetto. Elemento di merito è stata “L’adozione di un modello di Governace basato sulla creazione di una funzione Community Management che, insieme al team Internal Digital Channels, supporta le diverse aree aziendali nello sviluppo e gestione delle community”.

Dal punto di vista della Governance, infatti, OneNet è gestito secondo un modello “hub-and-spoke”: un team a livello di Holding, Internal Digital Channels e un team nell’area di business Group Operations & Ict Factories, denominato Online Community, si occupano della raccolta delle esigenze dei clienti interni mentre un team IT coordina la creazione delle Community e ne segue gli sviluppi.

Il riconoscimento è stato consegnato a Patrizio Regis, responsabile della struttura di Group Internal Communications & Internal Channels, Stefania Todisco, responsabile della struttura di Online Community, e Fabio Delton, responsabile della struttura di Internal Digital Channels in occasione del Convegno “Enterprise 2.0” che si è tenuto oggi al Politecnico di Milano.

La piattaforma OneNet ha riscosso successo anche fra i dipendenti. Dal momento del lancio, avvenuto nel settembre 2009, sono stati invitati a partecipare circa 18.000 colleghi in 10 paesi con un response rate elevato, pari al 54,5%. Un grande coinvolgimento partecipativo, una maggiore efficacia nella collaborazione a distanza e raccolta bottom-up di suggerimenti di natura progettuale sono stati i primissimi risultati tangibili.

Alla luce del grande traguardo raggiunto l’obiettivo resta dunque quello di coinvolgere sempre più colleghi all’interno di OneNet e di arricchire la struttura delle Communities con ulteriori funzionalità social, integrate con le altre piattaforme interne del Gruppo in un’ottica di una sempre più ampia diffusione di strumenti 2.0 e di un miglioramento delle attività lavorative quotidiane a supporto del business.

27 Ottobre 2011