Dada, perdite ridotte nei primi nove mesi. Ricavi in crescita del 10%

RISULTATI FINANZIARI

La società chiude i primi nove mesi con ricavi per 59,4 milioni di euro (+10%) e perdite per 2,9 milioni dai 3,5 milioni di un anno fa

di P.A.
Dada, controllata di Rcs Mediagroup specializzata in registrazione di domini online, chiude i primi nove mesi con ricavi in crescita del 10% a 59,4 milioni di euro e con una perdita netta di 2,9 milioni da -3,5 milioni di una anno fa. Il cambio di perimetro dettato dalla cessione di Dada.net, con la focalizzazione sui business dei servizi di Domain e Hosting e di Advertising digitale, ha altresì comportato una significativa riduzione dell’indebitamento finanziario consolidato. Sono stati riclassificati le voci del 2010 per rendere omogeneo il confronto.

Il Mol consolidato si è attestato a 6,6 milioni, con una incidenza sui ricavi dell'11%, il risultato operativo è negativo per 1,9 milioni da -6,3 milioni.

La posizione finanziaria netta al 30 settembre è negativa per 27,1 milioni da -50,6 milioni al 31 dicembre, grazie soprattutto alla cessione di Dada.net.

Per l'intero 2011 il gruppo prevede ricavi e Mol in crescita.

Evoluzione del business
Nei primi nove mesi del 2011 Dada ha rafforzato il proprio posizionamento a livello europeo nel settore dei servizi professionali per la registrazione di nomi a dominio e di hosting - oltre 480 mila aziende clienti e più di 1,7 milioni di domini gestiti complessivamente in Italia, Gran Bretagna, Francia, Spagna, Portogallo, Olanda e Irlanda – perseguendo con successo gli obiettivi di:

i) integrazione degli strumenti di marketing e dell’offerta dei prodotti di hosting dedicato e virtuale di Poundhost nella piattaforma di Namesco in UK, consentendo di cogliere sia sinergie di costo sia opportunità di business;

ii) ampliamento del portafoglio di servizi offerti tramite il lancio di nuove applicazioni che hanno ottenuto un positivo riscontro nel mercato, tra cui: “WebSite” e “E-commerce” che mettono a disposizione un pacchetto completo la creazione di siti di commercio elettronico dalla registrazione del dominio alla personalizzazione dell'aspetto grafico del sito, dalla vendita online alla gestione degli ordini e della logistica; la Posta Elettronica Certificata, una soluzione digitale per l’invio di contenuti con valore legale che garantisce la certezza di invio e di consegna al destinatario, la cui adozione sarà peraltro obbligatoria in Italia a partire dal 29 novembre per le imprese, i professionisti e gli enti pubblici.

Con l’obiettivo di una sempre maggiore digitalizzazione delle PMI italiane, si segnala inoltre l'avvio del progetto “LaMiaImpresaOnline.it”, nato da una partnership con Google, Seat PG con PagineGialle.it e Poste Italiane al fine di offrire alle piccole e medie imprese strumenti professionali per essere presenti e cogliere le opportunità di business offerte dalla rete: delle oltre 27.000 aziende approdate sul web nei primi sei mesi di attività del progetto, l’11% circa ha attivato la piattaforma di e-commerce fornita da Dada – più del doppio rispetto alla media nazionale del 5%.

Nel periodo in esame nell’advertising on-line, Dada.pro ha proseguito la strategia di rafforzamento e di espansione internazionale del business di performance advertising, grazie al consolidamento del servizio Peeplo, al continuo perfezionamento degli algoritmi proprietari e la stretta collaborazione con i principali Ad Network mondiali, nonché tramite il rilascio di nuovi servizi a livello internazionale quali “Save n’ keep” e di nuovi portali tematici quali Sconti.it in Italia e OnlyTopDeals.co.uk in UK.

09 Novembre 2011