Exprivia punta al "nearshoring": 3 mln dalla Regione Puglia

FINANZIAMENTI

La società si è aggiudicata un finanziamento a fondo perduto per la realizzazione di una "factory" in grado di erogare servizi cloud e Saas alle Pmi locali. Favuzzi: "Puntiamo anche alle imprese estere"

di F.Me.
Exprivia ha siglato il contratto per la realizzazione del progetto “SDI - Service Delivery Improvement” nell’ambito dei Contratti di Programma Regionali confinanziati dalla Regione Puglia, finalizzato al potenziamento e all’innovazione delle modalità di erogazione dei servizi IT. Il progetto – da realizzarsi entro il 2013 - prevede la realizzazione di una Software Factory che consentirà di migliorare la qualità dei servizi erogati alla clientela Exprivia attraverso l’“industrializzazione” dei processi sottostanti e l’adozione di nuovi paradigmi di delivery quali il Software as a Service (SaaS) ed il Cloud Computing.

Il contratto di programma prevede anche la realizzazione di uffici per complessivi 3.000 mq., investimenti in infrastrutture hardware e software nonché la riqualificazione di una parte delle attuali palazzine uffici.

“Il perfezionamento di questo contratto con la Regione Puglia – ha commentato Domenico Favuzzi, presidente e ad di Exprivia – ci consentirà di rafforzare il nostro modello dei servizi rendendolo interessante sia per le imprese nazionali sia per le industrie multinazionali estere. Parallelamente, questa aggiudicazione ci ha consentito di valorizzare il tessuto produttivo del territorio pugliese sia dando la possibilità anche ad altre quattro Pmi locali di beneficiare di finanziamenti per lo sviluppo economico locale che attraverso il conseguente incremento occupazionale legato a tale investimento.”

L’investimento complessivo è previsto pari a 10,4 milioni di euro a fronte dei quali la società riceverà un contributo a fondo perduto per complessivi 3 milioni di euro. Il Programma prevede la possibilità un anticipo iniziale del 50% del contributo da parte della Regione a valle della sottoscrizione del contratto e successivi pagamenti in funzione di Stati di Avanzamento del Lavoro (Sal) periodici.

Grazie a questo investimento, Exprivia rafforzerà il suo posizionamento competitivo nei servizi IT con un’offerta sempre più innovativa, personalizzata e performante potendo contare su un “bacino” di risorse qualificate e certificate che consentiranno un delivery sempre più “industrializzato”. Ciò consentirà, infatti, di rafforzare l’approccio di erogazione dei servizi in “nearshoring” che contraddistingue il Gruppo già da diversi anni e che permetterà di valorizzare e far crescere il mercato italiano, rendendolo competitivo rispetto alle alternative “offshore” verso i mercati asiatici.

06 Dicembre 2011