Lavagne interattive in telepresence

E-SCHOOL

Via all'intesa fra Cisco e Smart Technologies che punta ad integrare sulle Lim digitali le funzionalità di teleconferenza

di Giampiero Rossi
Smart Technologies, azienda attiva nel mercato delle lavagne interattive multimediali (Lim), ha lanciato una collaborazione con Cisco con l'obiettivo di integrare i sistemi Cisco TelePresence con le lavagne interattive delle serie Smart Board 600 e 800 e i display interattivi Smart Board. Attraverso questo accordo sarà possibile garantire una collaborazione real time da luoghi diversi, condividendo contenuti e annotazioni in tempo reale.

Infatti, con il Cisco TelePresence Synch, è possibile suddividere lo schermo tra video e dati per fare in modo che non vada persa nessuna informazione durante l’interazione, rendendo possibile l'utilizzo di applicazioni aperte sulla lavagna e sistemi di teleconferenza audio/video ad alta definizione, in modo tale da creare un' esperienza collaborativa che permette ai partecipanti da remoto di vedere tutti i contenuti e ascoltare tutte le discussioni condivise. “L’integrazione di Cisco TelePresence Synch con le lavagne e i display interattivi Smart Board aggiunge una nuova dimensione a un ambiente collaborativo distribuito, con interazione vis-a-vis - ha affermato Mike Baird, Director TelePresence Product Management di Cisco - Mettendo insieme l’esperienza di Smart e Cisco, possiamo offrire soluzioni uniche per soddisfare la domanda dei consumatori in merito a un’esperienza di collaborazione sempre più coinvolgente, quando non è possibile riunire tutti nella stessa sala”.

“Siamo orgogliosi di lavorare con Cisco e aggiungere le loro funzionalità di telepresenza a prodotti e applicazioni di tecnologia collaborativa delle nostre soluzioni business ed education - ha affermato Linda Thomas, Vice President Products di Smart Technologies - L’interoperabilità dei prodotti Smart con Cisco TelePresence Synch permette una collaborazione avanzata e risponde alle esigenze della nostra base clienti in costante crescita in entrambi i mercati”.

06 Dicembre 2011