Sicurezza, il 35% delle imprese italiane teme cyber-attacchi

KASPERSKY LAB

La percentuale delle aziende che si considera un "obiettivo" è la più alta tra i Paesi europei. Seguono Germania, Francia e Spagna. E in Gran Bretagna solo il 10% ha paura degli hacker. Kaspersky Lab: "Adottare strategie ad hoc, coinvolgendo anche i dipendenti"

di F.Me.
Aziende italiane sotto scacco hacker. Secondo Kaspersky Lab , rispetto agli attacchi mirati, in Italia il 35% delle imprese si considera un obiettivo a fronte di un 34% registrato in Germania e Francia. Le aziende spagnole, invece, si considerano in maniera minore un target, con solo il 28% registrato. Il dato più basso è quello della Gran Bretagna (10%).

Il 52% delle aziende di tutto il mondo sono preoccupate al pensiero di diventare un obiettivo dei cyber criminali. I meno preoccupati sono i francesi (36%), mentre le aziende spagnole (55%) e britanniche (53%) si posizionano in cima alla classifica.

“Per arginare i possibili attacchi, le aziende devono necessariamente adottare una strategia di sicurezza adeguata, tenendo in considerazione anche i lavoratori mobile - avvertono gli esperti di Kaspersky - E’ inoltre fondamentale coinvolgere e aggiornare costantemente i dipendenti riguardo la strategia di sicurezza dell’azienda”.

15 Dicembre 2011