Nasce Talent Pipeline, servizio su misura di recruiter

LINKEDIN

LinkedIn, il più grande network professionale al mondo con oltre 150 milioni di iscritti, ha presentato oggi LinkedIn Talent Pipeline, un servizio dedicato alle aziende che operano nel settore del recruiting. Talent Pipeline consente di gestire in maniera centralizzata i contatti con i professionisti, indipendentemente dalla loro provenienza, per essere in grado di individuare velocemente i talenti migliori. Talent Pipeline sarà disponibile all’interno di LinkedIn Recruiter, senza alcun costo aggiuntivo.

Talent Pipeline è disegnato per i recruiter che, in un contesto di business in rapida evoluzione, devono essere in grado di rispondere sempre più velocemente alle esigenze che si presentano di volta in volta. Inoltre, con l’affermarsi dei social media e di altre possibilità per entrare in contatto con i potenziali candidati, si sta sempre più  diffondendo la tendenza, da parte dei recruiter, a ricorrere a fonti più dirette e ad ampliare la ricerca per entrare in contatto non solo con i candidati attivi, ma anche con i cosiddetti candidati “passivi”, ovvero i professionisti che al momento non sono alla ricerca di nuove opportunità di lavoro. I network professionali come LinkedIn rendono per la prima volta possibile il contattare e assumere candidati passivi su vasta scala.

La possibilità di individuare ed entrare in contatto con questi professionisti anche prima che questi presentino una formale domanda di assunzione, permette alle aziende di reagire più rapidamente, soddisfando le nuove esigenze in termini di ricerca del personale. Da un recente studio condotto da LinkedIn è emerso che il 92% dei senior manager statunitensi, appartenenti al settore risorse umane e selezione del personale, considera i candidati passivi un elemento centrale o parte integrante della propria strategia di recruiting, mentre il 61% intende focalizzarsi maggiormente sull'assunzione di candidati passivi nell'anno in corso.

Seguendo questa strategia, la corretta gestione del flusso di candidati assume un'importanza chiave. Tuttavia, il proliferare dei canali attraverso cui è possibile entrare in contatto con i potenziali candidati (dai biglietti da visita raccolti nel corso di convegni ed eventi, alle referenze e ai siti per la ricerca di lavoro) rende estremamente complesso tracciare, e mantenere aggiornato, l’elenco dei contatti. L'86% dei partecipanti al sondaggio si considera insoddisfatto dagli strumenti attualmente disponibili.

"Grazie alla sempre maggiore importanza assunta dalla ricerca di talenti passivi, i recruiter sono alla ricerca di un sistema semplice e intelligente per ampliare, tenere traccia e mantenere i contatti con i migliori talenti in circolazione - ha detto Marcello Albergoni, Senior Sales Manager di LinkedIn Italia - L'impegno principale di LinkedIn è quello di continuare a sviluppare i migliori prodotti possibili per aiutare i recruiter a creare connessioni tra professionisti e opportunità, a livello globale. Talent Pipeline è un nuovo passo avanti in questa direzione: una semplice, ma necessaria, estensione delle funzionalità che i team di recruiting già utilizzano".

La maggior parte dei candidati passivi non ha mai presentato una domanda di lavoro, pertanto non è registrata in alcun sistema aziendale per la gestione delle domande di assunzione (Ats). Per tenere traccia dei propri contatti, molti recruiter utilizzano fogli di calcolo, che non offrono funzionalità di collaborazione, o database che in breve tempo diventano obsoleti. Talent Pipeline risolve questi problemi permettendo di:

Importare in Recruiter contatti e cv che vengono confrontati con quelli degli oltre 150 milioni di membri già presenti su LinkedIn, quindi contrapposti ai profili pertinenti, che gli iscritti mantengono aggiornati anche quando non sono alla ricerca di un impiego.
Eseguire ricerche, inserire tag e condividere i resoconti con tutto il team, come già succede con gli profili trovati su LinkedIn. Inoltre, grazie ai nuovi strumenti che permettono di aggiungere l'origine e lo stato dei potenziali contatti, i recruiter possono generare report sulle attività di selezione del personale e renderle ancora più efficienti
Valutare ed entrare in contatto con i potenziali candidati, grazie alle informazioni fornite nei profili di LinkedIn quali i contatti condivisi, gli aggiornamenti sulle attività, le referenze e i gruppi condivisi.

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA 24 Aprile 2012

TAG: linkedin, recruiter, talent pipeline

SCARICA L'APP PER IL TUO
SMARTPHONE O TABLET
App Store App Store