Tecnologie, Anie: a marzo cala la produzione industriale

ISTAT

L’Elettrotecnica ha mostrato una flessione dei livelli di attività del 10,4% mentre l’Elettronica scende dello 0,7%. Gemme: "Serve porre le basi per una crescita di lungo periodo"

di F.Me.

A marzo la produzione industriale delle tecnologie - Elettrotecnica ed Elettronica - ha registrato un andamentonegativo. Nel confronto con lo stesso mese del 2011, l’Elettrotecnica ha mostrato una flessione dei livelli di attività del 10,4%, l’Elettronica dello 0,7% (-5,7% la corrispondente variazione nella media del manifatturiero nazionale).

Nel confronto congiunturale le due macro-aree mostrano andamenti disallineati. A marzo 2012, nel confronto con febbraio 2012, l’Elettrotecnica ha registrato una crescita dei livelli di attività dello 0,9%. L’Elettronica ha, al contrario, sperimentato una contrazione, seppur moderata, dello 0,8%.

Nella media del primo trimestre 2012, nel confronto con l’anno precedente, l’Elettrotecnica ha evidenziato un risultato cumulato annuo negativo (-10,6%). L’Elettronica, beneficiando del rimbalzo mostrato nei mesi precedenti, ha mostrato una variazione positiva del 2,0% (-6,1% la corrispondente variazione nella media del manifatturiero nazionale).

“A marzo 2012 la produzione industriale nei settori Anie ha mostrato segnali di sofferenza. L’avvio del 2012 ha visto l’industria elettrotecnica ed elettronica italiana muoversi secondo ritmi di sviluppo decisamente più contenuti rispetto all’analogo periodo dell’anno precedente, che risentiva ancora del sostenuto riavvio della ripresa” – commenta il presidente di Confindustria Anie Claudio Andrea Gemme – Il primo trimestre dell’anno in corso ha costituito un momento di particolare debolezza nel cammino di uscita dalla crisi, che si fa sempre più lontana”.

“Questo avviene – prosegue Gemme–in una fase delicata in cui le imprese sono impegnate a sostenere importanti investimenti per adeguarsi ai nuovi mercati. In uno scenario in rapido cambiamento, gli operatori, facendo leva su risorse più scarse e vincoli più stringenti, si trovano ad affrontare sfide importanti per rispondere prontamente alla domanda di tecnologie innovative in mercati in profonda trasformazione come l’energia, il building, la mobilità sostenibile”.

“In un momento cruciale in cui occorre costruire con urgenza le basi per una crescita di lungo periodo – conclude Gemme– ritengo essenziale la consapevolezza da parte di tutti gli stakeholder istituzionali del ruolo che l’industria manifatturiera, in particolare i settori più evoluti e tecnologicamente avanzati rappresentati da Confindustria Anie, possono svolgere in questa direzione. Le tecnologie Anie, che sono frutto della ricerca e della capacità innovativa delle nostre imprese, rappresentano un fondamentale volano per lo sviluppo dei mercati più strategici”.

©RIPRODUZIONE RISERVATA 10 Maggio 2012

TAG: istat, anie, elettronica, claudio andrea gemme

SCARICA L'APP PER IL TUO
SMARTPHONE O TABLET
App Store App Store