Wind Business Factor a quota 10mila iscritti

START UP

Numerose le start up nate grazie all'uso della piattaforma: 1.350 le imprese in campo e circa 600 le idee di business. Pierpaolo Festino: "Abbiamo fatto venire allo scoperto le iniziative imprenditoriali innovative"

di Giampiero Rossi

Wind Business Factor raggiunge quota 10.000 iscritti. Dal suo lancio la piattaforma di supporto alla creazione e allo sviluppo di nuove idee di business ha dunque dimostrato di aver saputo raccogliere l'interesse degli "startupper" italiani, grazie alla selezione, formazione e valorizzazione costante di nuovi imprenditori e delle loro idee di business.

In questo secondo anno di attività, inaugurato a marzo il business social network di Wind ha fatto interagire tra loro 10.000 utenti attivi, 1.350 imprese, circa 600 idee di business e 8 importanti aziende partner tra cui American Express, Luiss, Innogest, EnLab, Mind The Bridge.

Tra le società supportate attraverso il percorso di business coaching, di comunicazione e di networking creato da Wind Business Factor, si sono fatte particolarmente apprezzare dal mercato e dagli investitori: StereoMood, la web radio che suggerisce playlist basate sull'umore degli utenti e che classifica la musica in base ai loro stati d’animo, PastBook, l'applicazione che consente di trasferire la propria esperienza dai social network in un formato tangibile, NextStyler, il servizio di e-commerce dedicato alle collezioni di giovani stilisti, Atooma, la startup che rende più facile la vita di chi possiede uno smartphone tramite mini-applicazioni intelligenti generate dagli utenti stessi.

“Quando abbiamo lanciato il progetto Wind Business Factor eravamo interessati a conoscere i nuovi talenti imprenditoriali italiani - dice Pierpaolo Festino, direttore della Business Unit Corporate di Wind  Volevamo farli ‘uscire allo scoperto’ e fornire loro gli strumenti per portare avanti idee imprenditoriali innovative. Lo abbiamo fatto costruendo un social network dedicato che consentisse di fare formazione, networking e business in modo nuovo e intelligente. I risultati numerici, ma soprattutto i primi investimenti fatti da venture capital e angel investor in queste nuove startup, ci confermano che la strada intrapresa è quella giusta.”

Intanto, si è da poco concluso il primo girone della Wind Business Factor Competition 2012, che ha visto 10 giovani imprenditori "allenarsi" in un programma di formazione con mentori e imprenditori di successo. Il percorso di formazione e il supporto nella comunicazione finalizzato anche all'incontro con gli investitori dura tutto l'anno, suddiviso in tre gironi ed è rivolto ai migliori startupper che superano le fasi di Selezione. Tra questi ne verranno scelti tre che accedono alla fase finale in cui si potranno presentare la loro idea d'impresa ad importanti investitori italiani e stranieri, attraverso Innogest e il VC-Hub. Il vincitore di ogni girone, si aggiudica un canone gratuito Wind Business One Office per un anno e un soggiorno formativo di 3 settimane in Silicon Valley con la Mind The Bridge Foundation (per informazioni più dettagliate rimandiamo al brief e al regolamento online: http://www.windbusinessfactor.it/contest-brief/startup-competition-2012/4)

 

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA 11 Luglio 2012

TAG: wind, wind business factor, pierpaolo festino, American Express, Luiss, Innogest, EnLab, Mind The Bridge, StereoMood, PastBook, NextStyler

SCARICA L'APP PER IL TUO
SMARTPHONE O TABLET
App Store App Store