EuBrasil: rafforzare legame Brasile-Ue sull'Ict

L'INIZIATIVA

L'associazione spinge per la promozione di nuovi progetti congiunti in ambito tecnologico. Il presidente Gambardella: "Il Brasile è uno dei paesi più importanti al mondo"

di P.A.

Rafforzare i rapporti fra Brasile e Unione Europea, per lo sviluppo di nuovi progetti e piani di ricerca e sviluppo congiunti in ambito Ict. Questo l'obiettivo di EuBrasil,  associazione no profit per lo sviluppo di relazioni economiche e politiche fra l'Europa e il paese sudamericano. "Il Brasile è uno dei paesi più importanti del mondo", ha detto Luigi Gambardella, presidente di EuBrasil, al seminario che si è tenuto ieri a Bruxelles “Connecting Brazil and Europe”.

La partnership strategica fra Brasile e Ue è stata avviata nel 2007. Da allora molto è stato fatto, ma non tutti gli obiettivi sono stati raggiunti.  “Si può fare molto di più, e l’Ict è una delle aree dove ci può essere dialogo”, ha detto Andrea Renda, Senior Research Fellow presso il Centre for European Policy Studies (Ceps).

La politica decide le regole del settore sul fronte delle Tlc, gli operatori sono interessati a questo processo, ma non tutti  sono soddisfatti dei risultati. David Frautschy, Manager delle attività di Telefonica in America Latina, ha detto che “i regolatori stanno perdendo la loro indipendenza, generando così una frammentazione nel mercato che sta distruggendo il business model”.

Portugal Telecom e At&t, al contrario, hanno visto crescere il loro business grazie a politiche di sviluppo transoceanico e a relazioni transatlantiche. “Dobbiamo concentrarci molto di più sulla competitività e su buone regolamentazioni”, ha detto Karim Lesina, VP di At&t, responsabile relazioni esterne per l’Ue, i Caraibi, America centrale e Latina.
 

©RIPRODUZIONE RISERVATA 21 Novembre 2012

TAG: eubrasil, luigi gambardella, andrea renda, Centre European Policy Studies, Ceps, David Frautschy, telefonica, portugal telecom, at&t, karim lesina

SCARICA L'APP PER IL TUO
SMARTPHONE O TABLET
App Store App Store