Mobile computing, battezzata la nuova suite di software

IBM

Ibm lancia una suite di un nuovo software e nuovi servizi, che consente alle organizzazioni di definire  una strategia completa di mobile computing – dalla protezione e gestione dei dispositivi, alla realizzazione di applicazioni mobile e all’analisi dei dati. Queste nuove offerte di Ibm indirizzano una opportunità di mercato in crescita per il mobile computing che, secondo le previsioni degli analisti di settore, genererà  per le organizzazioni 130 miliardi di dollari di ricavi entro il 2015.

“Il mobile computing sta cambiando radicalmente il nostro modo di pensare, lavorare e agire. Ma la velocità con cui si verifica questo cambiamento costringe le organizzazioni a reagire, anziché pianificare proattivamente la trasformazione - spiega Phil Buckellew, Vice President, Ibm Mobile Enterprise - Così come Ibm ha aiutato le organizzazioni a sfruttare le potenzialità di internet più di 20 anni fa, lo stesso avverrà per il mobile computing. Continueremo a lavorare a stretto contatto con i clienti e li aiuteremo a trarre il massimo vantaggio da questo trend, consentendo loro di diventare una ‘mobile enterprise’".  


Ibm propone al mercato un vasto portafoglio di offerta per aiutare le aziende nell’adozione di  tecnologie mobile in tutta l’organizzazione e cogliere le opportunità offerte dal mobile computing.  Ad esempio:

·Mobile Planning and Strategy Services: i consulenti IBM, possono aiutare le aziende ad individuare e pianificare correttamente la strategia mobile migliore per raggiungere i loro obiettivi di business.  

·Mobile Analytics: grazie alle funzionalità di business analytics, i Chief Marketing Officer (CMO), gli operatori dell’e-commerce e gli sviluppatori di app possono  acquisire in tempo reale informazioni approfondite sull’esperienza dei clienti attraverso l’analisi dell‘ambiente online e delle app utilizzate dai vari dispositivi mobili.

·Endpoint Security and Management: con il nuovo software e i servizi per la mobilità, le aziende possono adottare il Bring Your Own Device (BYOD) implementando  processi per proteggere i dispositivi e consentire ai dipendenti l’accesso a dati e applicazioni aziendali da device  personali. La protezione dei dati aziendali, in caso di furto o smarrimento del dispositivo, è garantita dalla possibilità di procedere tempestivamente a cancellazioni in remoto.  Queste funzionalità di gestione, supporto e protezione si applicano a tutti i sistemi operativi: Apple (incluso iOS 6), Android, Microsoft Windows (incluso Windows 8) e dispositivi Blackberry.  

·Mobile App Development: l’uso di IBM Worklight aiuterà i clienti a supportare lo sviluppo di app native e faciliterà la creazione di app che funzionino anche in assenza di connessione di rete. Il nuovo software Lifecycle Management aiuterà i clienti a sviluppare rapidamente app di alta qualità tra più piattaforme. I nuovi  servizi forniranno inoltre alle organizzazioni il supporto per rilasciare, implementare e gestire le loro app mobile e gli app store.  

· Social Collaboration for Mobile: con le nuove funzionalità per il social business, i dipendenti mobile di un’organizzazione possono utilizzare i propri dispositivi per gestire i blog, ricevere update live dai social network, accedere ai file e modificarli.

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA 26 Novembre 2012

TAG: ibm, mobile computing, Phil Buckellew

SCARICA L'APP PER IL TUO
SMARTPHONE O TABLET
App Store App Store