Arriva la segretaria "virtuale" a consumo

AMELYA

Servizi a noleggio, prestazioni a consumo, modelli “eco”, persino baratto. Nel momento più cruciale della crisi economica la creatività italiana si è sbizzarrita pur di trovare un modo per sopravvivere o riconvertire attività con i giorni contati. Ora che la situazione va lentamente migliorando, l’espansione di questi nuovi modelli di business non sembra subire battute d’arresto. E parole come riduzione degli sprechi, sostenibilità, condivisione di risorse, innovazione tecnologica non sono più locuzioni astratte e dal sapore avveniristico, ma soluzioni concrete che stanno aiutando molti professionisti e piccole imprese a restare nel mercato.

A confermarlo è la crescita registrata, proprio nell’anno della crisi, dall’azienda romana Amelya che, adottando tecnologie innovative quali il cloud computing e il VoiP, ha messo a punto un intero sistema a supporto delle piccole imprese e dei liberi professionisti. Con l’offerta del servizio di segretaria virtuale e “a consumo”, che consente l’abbattimento dei costi fissi e la libertà di utilizzo tipica dell’outsourcing, Amelya sta riscuotendo successo proprio tra gli operatori più colpiti dalla recessione: le microimprese e le attività professionali.
Questa segretaria di nuova generazione - già nota nei paesi anglosassoni con il nome di Virtual assistant - svolge gli stessi compiti di una segretaria tradizionale, ma opera “in remoto” (tramite web e telefono) e costa molto di meno poiché viene pagata a consumo, ossia solo per l’utilizzo effettivo.

Oltre a questo servizio, Amelya sta sviluppando una rete di Uffici Condivisi, basata su un uso ottimale delle sale riunioni già esistenti all'interno degli uffici e spesso inutilizzate. Il riferimento immediato, per analogia, è ai Business Center, gli uffici arredati in affitto temporaneo che nacquero negli USA proprio durante la Grande Depressione. Inoltre, per consentire anche ai più piccoli di avere prestazioni paragonabili a quelle delle grandi aziende, è possibile acquistare, sempre a consumo, le consulenze di una rete di specialisti, alla quale possono partecipare, come fornitori, gli stessi clienti. Infine, sempre nell’ottica delle soluzioni a basso costo, è attivo un servizio di comunicazione integrata che aiuta gli imprenditori e i professionisti a migliorare la propria immagine e visibilità, online e offline, anche con budget limitati.

05 Ottobre 2009