Cybercrime, Obama minaccia azioni contro la Cina

STATI UNITI

La Casa Bianca pronta a mettere in campo iniziative diplomatiche e commerciali. Nel mirino le attività di spionaggio industriale "hi-tech" di Pechino ai danni di grandi azienda Usa

di Federica Meta

La Casa Bianca ha minacciato azioni commerciali e diplomatiche contro la Cina e altri Paesi a causa di possibili azioni di spionaggio industriale collegate alle decine di cyberattacchi ai danni di alcune grandi società americane. Per esempio, potranno essere applicate restrizioni commerciali su prodotti e servizi realizzati utilizzando informazioni ottenute illegalmente e potranno essere fatte pressioni ai governi interessati affinché evitino violazioni in modo più deciso. Come riporta il Wall Street Journal, l'amministrazione Obama ha evidenziato i costi di queste azioni, anche in termini di svantaggio competitivo, perdita di posti di lavoro e impatto sui prodotti.

"Ci sono solo due categorie di società colpite da furti di segreti commerciali: quelle che sono a conoscenza delle violazioni e quelle che sono all'oscuro. Un hacker cinese puo' ottenere un codice di una società in Virginia senza neppure lasciare la scrivania", ha detto il ministro della Giustizia Eric Holder. Incidenti riconducibili alla Cina si sono verificati negli anni recenti ai danni di Google, Lockheed Martin, Nortel Networks e della società che si occupa di sicurezza telematica Rsa Security. L'azione della Casa Bianca fa seguito alle accuse mosse da vari media americani, Wall Street Journal e New York Time in testa, che hanno parlato di spionaggio e attacchi informatici da parte di gruppi cinesi. Anche se la Casa Bianca non ha specificato quali azioni avvierebbe contro la Cina, ha precisato che di 19 casi presi in esame, 16 riguardano furti volti ad avvantaggiare entità cinesi.

Nei giorni scorso un rapporto di Mandiant, società consulente del governo americano per la sicurezza informatica, annunciava la presenza l'esercito cinese dietro centinaia di migliaia di hacker fra i più pericolosi del mondo. Lo sostiene la , che ha identificato la fonte di numerosissimi cyberattacchi all'interno di un anonimo stabile di Shanghai. L'azienda americana, sottolinea che attività Apt1 (Advanced Persistent Threat, minaccia persistente avanzata), avrebbero violato una enorme mole di informazioni e messo nel mirino alcune infrastrutture importanti, come le attività energetiche statunitensi. Nel mirino degli attacchi ci sarebbero state 141 società, 115 delle quali negli Stati Uniti, a partire dal 2006 ad oggi. L'Apt1 sarebbe stata organizzata da una filiale dell'Esercito di liberazione del popolo, denominata Unit 61398 le cui tracce dei suoi attacchi riconducono a un palazzo di 12 piani nei sobborghi di Shanghai.

Secondo Mandiant, che ha analizzato il materiale di tre anni di inchieste sugli attacchi subiti dai quotidiani, dalle agenzie governative e dalle società Usa, il gruppo conterebbe sull'operato di migliaia di impiegati. Lo stesso presidente Barack Obama, nel suo discorso sullo stato dell'Unione del 12 febbraio scorso, aveva rivelato che una delle sue più grandi preoccupazioni era rappresentata proprio dalla capacità di organizzazioni straniere di infiltrarsi all'interno delle infrastrutture americane. La Cina ha tuttavia smentito le rivelazioni. "Non è professionale né responsabile fare delle accuse senza fondamento, senza prove tangibili e questo non contribuisce a risolvere i problemi che contano", ha dichiarato da Pechino il portavoce del Ministero degli Esteri.

A dimostrazione di come l'IT security sia cosiderata un'azione chiave dall'amministrazione Obama, il presidente Usa ha firmato il 12 febbraio un nuovo ordine esecutivo per la sicurezza informatica. L’obiettivo dell’ordine esecutivo, come spiegato in una nota diffusa dalla Casa Bianca, è quello di condividere informazioni attraverso lo sviluppo e l’applicazione di una serie di pratiche che coinvolgono partner industriali e che il National Institute of Standards and Technology dovrà mettere a punto. In pratica, le agenzie federali saranno chiamate a produrre rapporti non confidenziali sulle minacce da parte di pirati informatici ad aziende americane.  

Viene inoltre ampliato il programma Enhanced Cybersecurity Services per assistere nelle loro attività di protezione dagli hacker le società che operano nel settore delle infrastrutture digitali. Il tutto, garantendo una “forte protezione delle libertà civili e della privacy”, ha puntualizzato Obama.

©RIPRODUZIONE RISERVATA 21 Febbraio 2013

TAG: casa bianca, cybercrime, cina, spionaggio industriale, Eric Holder, barack obama, mandiant

SCARICA L'APP PER IL TUO
SMARTPHONE O TABLET
App Store App Store

Correlati