Spamming, il 50% generato da 20 provider

INTERNET

Report Università Twente: le email indesiderate attaccano per prime le reti geograficamente più vicine. New Dehli capitale dello spam, Dallas al top sul fronte phishing

di m.s.

Metà delle email indesiderate o dannose che circolano in rete, dal semplice spam fino ai malware, proviene da appena 20 provider sparsi per il mondo. Lo afferma una ricerca dell'Università olandese di Twente che ha scoperto che questo tipo di mail 'contagia' di solito per prime le reti geograficamente più vicine.


Lo studio ha monitorato oltre 42mila Internet provider, trovando che la maggior parte di quelli “cattivi” è concentrata in India, Vietnam e Brasile, con New Delhi che è risultata la capitale mondiale dello spam. La palma di peggior provider va invece a Spectranet, in Nigeria, visto che il 62% degli indirizzi che gestisce è dedita ad attività criminose.
 

Sul fronte del phishing invece sono gli Usa ad essere in cima alle classifiche, con la città di Dallas al top di questo tipo di attacchi. Molti provider, sottolineano i ricercatori, agiscono da “cattivi vicini” attaccando per prime le reti più prossime fisicamente, una caratteristica che deve essere sfruttata per cercare di arginare il fenomeno trovandone l'origine: 'Se chi si occupa di sicurezza vuole ridurre l'incidenza degli attacchi - scrivono - deve iniziare dai provider da cui questi sono originati con più frequenza'.

©RIPRODUZIONE RISERVATA 15 Marzo 2013

TAG: internet, provider, malware, phishing, spamming, spam

SCARICA L'APP PER IL TUO
SMARTPHONE O TABLET
App Store App Store