Telecom Italia "rilancia" su Working Capital

START UP

Annunciata l'apertura di tre nuovi acceleratori di impresa a Roma, Milano e Catania. Previsti mentoring e coaching per i progetti. E alle migliori idee 25.000 euro

di L.M.

Telecom Italia aprirà tre nuovi spazi di accelerazione a Roma, Milano e Catania, punti nevralgici dell’innovazione digitale italiana. Lo ha annunciato oggi la stessa azienda durante l’edizione 2013 di Working Capital, il programma di Telecom che dal 2009 alimenta l’ecosistema italiano dell’imprenditoria digitale sostenendo in modo diretto i migliori talenti e facilitando la nascita e lo sviluppo di nuove imprese sul territorio nazionale, anche grazie all’incontro tra startupper e investitori nazionali e internazionali alla ricerca di idee imprenditoriali innovative.

Quest’anno Telecom Italia ha voluto introdurre un’importante novità: saranno aperti tre nuovi spazi di accelerazione a Roma, Milano e Catania, punti nevralgici dell’innovazione digitale italiana. Si tratta di luoghi di lavoro e condivisione in cui gli startupper potranno far crescere la propria idea di impresa assistiti da un team di venture capital, imprenditori e innovatori che li accompagneranno in un percorso di “accelerazione” della durata di tre mesi, con l’obiettivo di trasformare le nuove idee in progetti di impresa.

L'ad Marco Patuano ha anche annunciato che le startup selezionate da Working Capital entreranno di diritto nella lista dei fornitori certificati di Telecom. L'azienda ha stanziato un "budget a sei zeri per acquistare servizi e prodotti di queste startup".

Con l’edizione 2013 di Working Capital, Telecom Italia metterà a disposizione 30 Grant d’impresa del valore di 25.000 euro ciascuno per progetti in ambito digital e green che dovranno pervenire sul sito www.workingcapital.telecomitalia.it entro il 30 settembre 2013. In particolare, coloro che intendono partecipare anche alla selezione per il programma di accelerazione dovranno far pervenire il proprio progetto entro la fine del mese di maggio, indicando in quale tra le sedi di Roma, Milano e Catania, desiderano seguire tale percorso.

Dopo aver raccolto negli anni scorsi oltre 4.000 progetti da una community di 15.000 giovani aspiranti imprenditori, finanziato 19 startup, assegnato 79 grant di impresa e incubato 36 progetti, Telecom Italia ha realizzato in partecipazione con la Kauffman Society una piattaforma di “crowdfunding” che ospiterà tutti i progetti finora raccolti con l’obiettivo di consentire a investitori nazionali ed internazionali di scegliere le idee più interessanti da finanziare.

“Un’azienda come la nostra che si occupa della comunicazione tra persone, idee e imprese” ha sottolineato Marco Patuano, amministratore delegato di Telecom Italia, “ha la necessità di innovare ed innovarsi ogni giorno. La ricerca di giovani talenti e di idee da promuovere e accompagnare nel proprio percorso di crescita è per Telecom Italia allo stesso tempo un investimento e una missione per contribuire alla ripresa economica dell’Italia. L’edizione 2013 di Working Capital con i tre spazi di accelerazione ha l’obiettivo di presidiare il territorio coltivando il talento e convertendo le idee in progetti di impresa alla velocità richiesta dal nostro tempo”.

©RIPRODUZIONE RISERVATA 19 Aprile 2013

TAG: Telecom Italia, Working Capital, Marco Patuano, start up, acceleratori d'impresa

SCARICA L'APP PER IL TUO
SMARTPHONE O TABLET
App Store App Store