Fimi all'Agcom: "Urgente regolamento anti-pirateria"

L'APPELLO

Il presidente Enzo Mazza chiede un intervento normativo in tempi stretti per tutelare il diritto d'autore: "Le aziende stanno perdendo milioni"

di P.A.

“A causa della pirateria online stanno sparendo milioni di euro di diritti. E intanto il regolamento Agcom sulla tutela del diritto d’autore non arriva, mentre si continua a discutere”. Lo ha detto al Sole 24 Ore Enzo Mazza (nella foto), presidente della Fimi (Federazione dell’industria musicale italiana), che sollecita l’Agcom a varare un regolamento in tempi rapidi, tanto più che l’autorità ci sta lavorando dal 2010 e che già l’anno scorso, sotto la presidenza di Corrado Calabrò, il provvedimento regolamentare di tipo amministrativo era già pronto.

E prevedeva la rimozione selettiva dei contenuti abusivi, la responsabilizzazione dei provider con richiesta di collaborazione contro l’illegalità, sensibilizzazione degli internauti e promozione dell’offerta legale.

Ora la palla passa al nuovo presidente Angelo Cardani, che nelle scorse settimane ha annunciato misure entro l’estate. Enzo Mazza punta il dito contro i tempi lunghi di intervento per bloccare contenuti offerti illegalmente online e il diverso trattamento riservato in termini di tempestività nei confronti di siti che vendono in Rete merce contraffatta o che promuovono scommesse non in regola: “Non capisco perché sulla pirateria si faccia così tanta fatica”, ha detto Mazza.

Nei giorni scorsi un gruppo di associazioni ha scritto a presidenti di camera e Senato e al presidente dell’Agcom per chiedere una pausa di riflessione all’Agcom sull’emanazione del regolamento.  


 

©RIPRODUZIONE RISERVATA 16 Maggio 2013

TAG: fimi, enzo mazza, agcom, corrado calabrò, angelo cardani

SCARICA L'APP PER IL TUO
SMARTPHONE O TABLET
App Store App Store