Anonymous, il Tribunale di Roma torna online

HACKER

Ripristinato il sito dopo il blocco di ieri rivendicato dal gruppo di pirati informatici, in risposta all'arresto di quattro presunti attivisti finiti ai domiciliari in seguito all'operazione Tango Down

di P.A.

E’ tornato online questa mattina il sito del Tribunale di Roma, che ieri era stato “oscurato” dagli attivisti di Anonymous in risposta agli arresti di quattro presunti attivisti effettuati qualche giorno fa dalla polizia postale. Sulla vicenda la procura di Roma ha aperto un fascicolo in seguito ad una denuncia presentata dal Tribunale. Ora la polizia postale sta cercando di risalire ai responsabili dell’attacco al sito.

Il 'blocco' è stato rivendicato da Anonymous, in risposta agli arresti di quattro presunti attivisti effettuati qualche giorno fa dalla polizia postale in seguito all'operazione Tango Down. "Qui è dove li bloccheremo! - si legge in un post pubblicato su Facebook - Qui è dove combatteremo! Qui e' dove moriranno! Pensate di averci tagliato la testa? Siamo ancora vivi e continueremo a seguire i nostri ideali!".
 
L'operazione di oggi ha tutte le caratterisitche di una vendetta, dopo gli arresti domiciliari di venerdì scorso ai danni di quattro presunti hacker di Anonymous, accusati di attacchi informatici a siti di governo ed istituzionali e ai sistemi informatici di infrastrutture critiche e grandi aziende. I quattro destinatari del provvedimento di misura cautelare, ritenuti al  vertice dell'associazione criminale che operava in Italia utilizzando il marchio Anonymous, sono G.P. di 34 anni di Lecce, L.L. di 20 anni originario della provincia di Bologna, S.L. di 28 anni della provincia di Venezia, e J.R. Di 25 della provincia di Torino. Altre sei persone sono invece state denunciate a piede libero. Perquisizioni sono state effettuate a Roma, Venezia, Lecce, Bologna e Torino
 
 L'operazione che ha portato alle catture si chiama “Tango Down” ed è stata condotta dagli uomini del Cnaipic, il Centro nazionale anticrimine informatico per la protezione delle infrastrutture critiche della Polizia postale. Le indagini sono coordinate dalla Procura di Roma
 
 I quattro arrestati dalla polizia postale farebbero parte del gruppo di Anoymous che avrebbe attaccato anche i siti di Vaticano, governo, Banca d'Italia, Polizia postale e Carabinieri. Dopo aver compiuto gli attacchi dei siti di istituzioni e aziende private, i ipirati offrivano alle vittime consulenza informatica per riparare i danni che loro stessi avevano creato. Gli agenti della polizia postale, diretti da Ivan Gabrielli, sono risaliti ai responsabili dopo aver analizzato piccole tracce che avevano lasciato in rete
 
 L'operazione contro gli hacker di oggi è l'ultimo capitolo di una guerra molto particolare che si svolge ufficialmente dal 1990 tra i governi del mondo e la rete che naviga e saccheggia i mondi del cyberspazio: una sorta di “franchising” della pirateria informatica che ha operatori attivi in ogni parte del pianeta e periodicamente fa parlare di sé per operazioni contro istituzioni, grandi banche o simili bersagli.
 
 Le reazioni della comunità hacker italiana e mondiale non sono tardate. "Potete arrestare quattro persone ma non potete arrestare un'idea", qualcuno ha scritto su Twitter, ma nel mondo intero le forze dell'ordine si stanno attrezzando alla battaglia: in Usa il gruppo Lulzsec, responsabile di attacchi tra gli altri contro Sony e Nintendo, è stato condannato e i quattro aderenti tradotti in carcere. La condanna più breve è a 20 mesi.
 

©RIPRODUZIONE RISERVATA 21 Maggio 2013

TAG: anonymous, tango down, tribunale roma, cnaipic, hacker

SCARICA L'APP PER IL TUO
SMARTPHONE O TABLET
App Store App Store