Luciani: "Semplificare la governance"

L'INCHIESTA

Il settore dell'Ict è un volano di crescita del Pil e di modernizzazione del Paese. Quali misure prioritarie il governo Letta deve adottare per sfruttarne le potenzialità e far ripartire economia e occupazione anche in un quadro di spending review? La parola all'Ad di Eustema

di Enrico Luciani, Ad Eustema

Il nuovo Esecutivo deve dimostrare la capacità e la volontà di intervenire a favore di un settore che tutti gli analisti economici e un’intera classe politica sostengono essere strategico per la stessa sopravvivenza del sistema Paese prima ancora che per la sua competitività. In tale ottica appare necessario agire urgentemente ed organicamente sia su leve di tipo economico sia su aspetti normativi e regolamentari. Dal punto di vista economico è da auspicare che la chiusura della procedura d’infrazione Ue per il deficit eccessivo dell’Italia si traduca in un “responsabile” allentamento del patto di stabilità, con la conseguente liberazione di risorse per lo sviluppo.

È fondamentale e non più procrastinabile l’emanazione dei decreti attuativi con cui rendere operativi i provvedimenti previsti dall’Agenda Digitale, mettendo una volta per tutte l’Agenzia per l’Italia Digitale in condizione di operare, semplificandone la governance anziché frammentandola. Se è vero poi che le Pmi rappresentano il 99,9 % del tessuto produttivo italiano (3.813.805 su un numero totale di aziende pari a 3.817. 058), e che da esse dipende l’occupazione di oltre l’80% della nostra forza lavoro (fonte Commissione Europea - Impresa e Industria), è davvero arrivato il momento di garantire loro una concreta possibilità d’accesso ai bandi pubblici, finora ad esclusivo appannaggio di grandi multinazionali o delle pochissime aziende italiane di dimensioni equivalenti.

©RIPRODUZIONE RISERVATA 27 Giugno 2013

TAG: enrico luciani, eustema, agenda digitale

SCARICA L'APP PER IL TUO
SMARTPHONE O TABLET
App Store App Store