Gartner: la crisi frena l'outsourcing IT

ANALISI

Economia incerta, budget ridotti, cambiamenti tecnologici riducono il potenziale del mercato, che comunque cresce a un tasso del 2,8%. A trainare i Paesi emergenti. Per l'Europa annata "piatta"

di Patrizia Licata

Il mercato mondiale dell’outsourcing It (Ito) varrà 288 miliardi di dollari quest’anno, un incremento del 2,8% (calcolando il giro d’affari mondiale in dollari Usa) rispetto al 2012, secondo il nuovo studio di Gartner "Forecast analysis: It Outsourcing, worldwide, 2Q13 update". Non si tratta di un risultato di per sè negativo, ma rispetto alle precedenti previsioni di Gartner, viene ora stimata una crescita più lenta per quasi tutti i segmenti del mercato Ito.

"Sulla crescita complessiva influiscono fattori di breve termine, come l’evoluzione dei modelli tecnologici, le condizioni economiche, politiche e del mercato del lavoro, e i risultati finanziari dei service provider", osserva Bryan Britz, research vice president di Gartner. "Le regioni mature dell’Asia/Pacifico e dell’Europa occidentale sono quelle in cui l’outlook è oggi più cauto: prevediamo un  2013 senza sviluppi significativi rispetto al 2012”. 

Secondo l'analista, in tutti i segmenti Ito si registra una crescita dei progetti, ma i budget delle aziende sono ristretti, i modelli di delivery dei fornitori stanno cambiando, le condizioni economiche restano incerte e questo limita il potenziale di crescita del mercato, che potrebbe essere molto più alto.

Mentre il fenomeno del Bring your own device (Byod) riduce in generale il ricorso delle aziende all’end-user outsourcing, cresce a ritmi sostenuti l’outsourcing del supporto per device mobili forniti dall'azienda, che sempre più spesso, sui mercato maturi, prendono il posto dei terminali tradizionali. Di conseguenza, è in declino il desktop outsourcing, ma a ritmi rallentati per la forte adozione dei computer fissi nei paesi emergenti di America Latina e Asia/Pacifico e in Cina.

Anzi sono proprio queste regioni a trainare il mercato, con una crescita prevista di oltre il 13% nel 2013 e nel 2014. L’espansione delle multinazionali in questi Paesi, l’emergere di nuovi compratori di servizi It in outsourcing e le fertili condizioni economiche determinano l’outlook positivo.

Pur senza registrare gli stessi ritmi di crescita delle regioni emergenti, anche l'outlook del Nord America è incoraggiante: Gartner prevede che i compratori cercheranno di trasferire più funzioni dell’It verso società esterne che offrono servizi managed per ridurre e rendere prevedibili i costi dell’It: questo trend garantirà la crescita del mercato Ito anche in questa regione fino a tutto il 2016. I  programmi economici di austerity e la ricerca da parte delle aziende di strategie “light It”, dove gli asset interni sono ridotti al minimo, continuano a spingere i clienti verso fornitori esterni.

©RIPRODUZIONE RISERVATA 17 Luglio 2013

TAG: It, Ito, Gartner, Bryan Britz, Byod

SCARICA L'APP PER IL TUO
SMARTPHONE O TABLET
App Store App Store