Pirelli rinnova la "fiducia" ai servizi HR

T-SYSTEMS

Pirelli rinnova la fiducia a T-Systems Italia fino al 31 dicembre 2012. Il servizio in outsourcing riguarda le soluzioni di HR management in particolare i servizi di Payroll per i dipendenti e per i dirigenti di Pirelli in Italia. A supporto della qualità del servizio T-Systems si avvale di un'infrastruttura IT all'avanguardia.
L'accordo, che non prevede acquisizioni di alcun asset del cliente, comprende tutte le voci di gestione sistemistica e tecnologica dell'architettura e verte in modo particolare sull'erogazione in outsourcing dei cedolini di tutta la forza lavoro italiana di Pirelli. Le attività di "payroll" affidate a T-Systems riguardano la gestione dei cedolini su base mensile e sono condotte in stretta sinergia operativa con l'Amministrazione del Personale di Pirelli Italia secondo parametri che prevedono la misurazione dei livelli di servizio relativamente ai tempi di consegna dei documenti e dei dati alla contabilità e alla correttezza dei dati calcolati e trasmessi, con particolare attenzione ai cedolini e ai moduli post-paga DM10, F24 e EMENS.

"Il rinnovo dell'accordo con Pirelli prosegue una partnership in essere da nove anni - ha commentato Guiscardo Pin, Managing Director di T-Systems Italia - ed è una conferma della qualità del servizio che possiamo offrire nel campo delle soluzioni di HR management. Rispetto dei parametri di SLA, flessibilità e consolidata relazione tra i rispettivi team di lavoro: questi i cardini di un approccio che ha prodotto per il cliente benefici significativi per quanto riguarda riduzione del rischio e continuità di servizio, ottimizzazione dei costi e razionalizzazione delle risorse".
I servizi di HR erogati a Pirelli utilizzano un'architettura software di tipo multi-tier Service Oriented in ambiente SAP e sfruttano una rete di connettività ad alta disponibilità di banda che collega il Centro Elaborazione Dati di Vicenza e il Data Center del cliente. La piattaforma SAP HCM ECC 6.0 si avvale di risorse IT all'avanguardia organizzate in una infrastruttura flessibile e scalabile ideata per adattarsi perfettamente alla specifica tipologia di ciascun servizio erogato e/o ospitato.

Nella fattispecie T-Systems mette a disposizione di Pirelli circa venti server dedicati con una capacità elaborativa complessiva di circa 25.600 SAPs (SAP Application Performance Standard), ventisei CPU ULTRASPARK residenti su server SUN di classe enterprise in grado di erogare circa 11.400 SAPs al servizio del landscape principale del sistema SAP ERP 4.7 e oltre 1.700 GByte di spazio disco utile attraverso un sistema di Storage Area Network dedicato.
Per garantire la massima efficienza operativa sono previste, a margine dei progetti di upgrade e migrazione ITS (Internet Transation Server), risorse addizionali pari a due ulteriori sistemi SUN per un totale di otto CPU Ultraspark per una capacità di 3.400 SAPs e ulteriori 250 GByte di spazio storage gestiti in modalità Storage Area Network. Il sistema di back-end SAP si avvale nello specifico dei server SUN classe Enterprise mentre per i servizi accessori (SAP ITS, Payroll Personal Basket, Data Archiving Ottico, Concentratori Timbrature dipendenti, FTP Services, SapRouter) opera una batteria di server discreti x86 con sistema operativo WINDOWS o LINUX.

In aggiunta alle manutenzioni evolutive del sistema, erogabili tramite i sottomoduli di SAP HR Payroll e Time Management rispetto al livello di implementazione e personalizzazione in uso dal cliente, la soluzione messa a punto da T-Systems include anche due articolati progetti di sviluppo futuro ad elevato valore aggiunto. Entrambi saranno realizzati in sinergia dai team tecnologici e funzionali applicativi delle due società e riguardano in particolare di un progetto di "UPGRADE di software release SAP", con contestuale modifica strutturale della base dati dovuta ad UNICODE CONVERSION, e della "Migrazione del Servizio ITS a WAS-XSS" integrato nell'ERP di back-end. Il primo progetto, propedeutico al secondo, ha come obiettivo l'evoluzione dell'applicativo per rendere lo stesso in grado di avvalersi delle più recenti funzionalità e delle ottimizzazioni realizzate da SAP. Il secondo è finalizzato invece a realizzare un consolidamento del servizio e la razionalizzazione e lo svecchiamento dell'architettura di sistema che porterà a una sostanziale riduzione - da diciassette unità attuali a nove - del numero di server discreti utilizzati, generando tangibili benefici in termini di riduzione della complessità di gestione e del "total cost of ownership".

26 Novembre 2009