OUTLOOK 2010. Michael Page: Direttore R&D e Project Manager, i professionisti dell'anno

OUTLOOK 2010

Tra le figure più richieste in ambito IT continueranno a spiccare il direttore dello sviluppo (R&D), la cui retribuzione media annua oscilla tra i 65.000 e gli 85.000 euro e il project manager Erp

“Dopo aver tenuto botta durante tutto quest’anno di forte contrazione economica – spiega Francesco Manzini, Responsabile Divisione Technology di M. Page - anche per il 2010, tra le figure più richieste in ambito Information Technology, continueranno a spiccare il direttore dello sviluppo (R&D), la cui retribuzione media annua oscilla tra i 65.000 e gli 85.000 euro a seconda degli anni di esperienza e della dimensione dell’azienda in termini di fatturato e il project manager ERP.”

PROFILO DIRETTORE DELLO SVILUPPO/R&D
Responsabilità:
• gestire i progetti di sviluppo, garantendone qualità, metodologie e affidabilità;
• definire e gestire il budget e gli impegni di spesa del reparto;
• garantire l’inquadramento dello staff di sistema e dello staff d’esercizio;
• definire delle metodologie dei test tecnici di verifica e della qualità;
• definire la strategia tecnica della produzione e scegliere gli applicativi di controllo e di supervisione;
• essere il garante della funzionalità dei sistemi dell’azienda e della performance delle transazioni. In questo quadro, è responsabile della creazione di piattaforme di test (limiti, prestazioni etc) e dei piani di pronto intervento informatico o di back up;
• lavorare in stretta collaborazione con la Direzione degli studi al momento della produzione di nuove applicazioni da parte delle sue squadre.

Formazione:
Questo profilo ha in genere una laurea in Ingegneria o cultura equivalente, con un minimo di 5 anni di esperienza nel campo dell’esercizio e dell’ingegneria dei sistemi.

Profilo/Evoluzione:
Questa tipologia di profilo si ritrova principalmente nelle strutture in cui il servizio informatico ed il relativo sviluppo tecnologico risulta determinante e strettamente legato alle tematiche di business.
Tale profilo diventa determinante in ambienti che richiedono grandi sistemi (banche, assicurazioni, grande distribuzione) o dove prevale l’innovazione tecnologica dei sistemi, non solo di supporto ai clienti esterni.
Gestisce in generale un minimo di 5 persone.
La domanda per questo tipo di posizioni, anche in realtà non eccessivamente strutturate o multinazionali, ha subito un deciso incremento soprattutto in ambito software legato ai database e al mondo della sicurezza dei sistemi e delle reti.

Studio retributivo in base agli anni di esperienza:
I dati sono significativi e relativi alla retribuzione annua lorda, non è inclusa la parte variabile.

MANAGER ERP
Responsabilità:
• gestire i progetti di analisi, implementazione e application maintenance dell’ERP, assicurandone qualità, efficienza ed efficacia;
• definire e gestire le risorse a lui assegnate, favorendone la comunicazione e l’affiatamento;
• distribuire le attività alle risorse e monitorarne il corretto svolgimento, nel rispetto delle tempistiche di delivery;
• mantenere e coltivare i rapporti con i clienti finali, pianificando e coordinando il loro coinvolgimento nelle varie fasi di progetto;
• produrre la documentazione di propria competenza e supervisionare quella prodotta dal team di progetto, garantendone;
• gestire la chiusura del progetto e le relative attività di riepilogo;
• lavorare in stretta collaborazione con il cliente durante lo svolgimento del progetto, provvedendo alla proposizione di nuovi progetti evolutivi o correttivi in corso d’opera.

Formazione:
Il Project Manager ERP ha una laurea in Ingegneria o Economia o cultura equivalente, con un minimo di 5 anni di esperienza nello stesso ruolo.

Profilo/Evoluzione:
Questa tipologia di profilo si ritrova principalmente nelle società di consulenza IT, dove l’implementazione dell’ERP ed il relativo sviluppo tecnologico risulta strettamente legato alle tematiche di business.
Questo profilo si ritrova anche all’interno della struttura aziendale di un cliente finale, con il ruolo di Business Process Support, ed ha il compito principale di gestire i consulenti esterni e le richieste che provengono dal business interno.
Gestisce in generale un minimo di 5 persone (interne e/o esterne).
La domanda per questo tipo di posizioni, vista l’importanza strategica assunta dall’Information Technology all’interno dell’azienda, ha subito un notevole incremento soprattutto in realtà di consulenza ERP.

Studio retributivo in base agli anni di esperienza:
I dati sono significativi e relativi alla retribuzione annua lorda, non è inclusa la parte variabile.

21 Dicembre 2009