Ingresso nel cloud computing con Ibm

PANASONIC

Panasonic Corporation entra nell'era del cloud computing adottando le tecnologie per la collaborazione di Ibm. Grazie a questi nuovi servizi, il suo personale potrà comunicare e collaborare in modo più efficiente con la rete globale dei partner, dei clienti e dei fornitori attraverso una comunità basata sul cloud.
 

Panasonic adotterà i servizi di LotusLive.com di Ibm per le conferenze via web, la condivisione di file, l'instant messaging ed il project management. L'azienda implementerà, inoltre, LotusLive Connections per il business social networking tra dipendenti, partner e fornitori per permettere la ricerca e la condivisione dell'informazione giusta al momento giusto.
 

Come parte di questo investimento nella tecnologia open di Ibm, Panasonic migrerà i suoi dipendenti da Microsoft Exchange o altri software per la collaborazione a LotusLive per la posta elettronica, la preparazione dei calendari e la gestione dei contatti. Panasonic presenterà maggiori dettagli in occasione dell'appuntamento annuale di Lotusphere, in programma a Orlando, in Florida, dal 17 al 21 gennaio.
 

Il mercato globale del cloud computing è previsto in crescita del 28%, da $47 miliardi nel 2008 a $126 miliardi entro il 2012, secondo diversi scenari di mercato.
 

Panasonic ha selezionato Ibm per la sua piattaforma di posta elettronica e di collaborazione per trasformare i suoi dipendenti in un team connesso e integrato globalmente. Grazie all'architettura aperta di LotusLive, Panasonic può pianificare i suoi investimenti IT futuri, senza aumentare le risorse IT dei diversi dipartimenti.
 

"LotusLive è un veicolo integrale per i nostri dipendenti per lavorare veramente come un'azienda integrata globalmente," dice Mitsuhiro Aoyama, Vice President Corporate Information Systems Company, Panasonic Corporation . "Ci permetterà di lavorare in modo sicuro con i nostri partner e clienti come se fossimo tutti nello stesso posto, realizzando la promessa di un team e di un'azienda globale."
 

"Panasonic ha preso questa decisione perché sicura che il suo lavoro di tutti i giorni sarà al riparo da interruzioni e intrusioni onerose, come milioni di utenti LotusLive già sanno”, ha detto Sean Poulley, Vice President, Ibm Cloud Collaboration.  "Quando aziende responsabili come Panasonic prendono la strada del cloud, vogliono tecnologie innovative senza compromettere la sicurezza, l'affidabilità e la privacy. Ecco perché scelgono Ibm."

15 Gennaio 2010