Nuovo antivirus contro i rootkits

KASPERSKY LAB

Kasperky Lab, azienda specializzata in soluzioni per la sicurezza informatica, brevetta un nuovo sistema antivirus basato su hardware, che combatte efficacemente i rootkits.
La nuova tecnologia è stata sviluppata su una soluzione antivirus, basata su tecnologia hardware, che neutralizzerà le minacce informatiche più diffuse, applicazioni maligne che si autoinstallano o che infettano i file presenti sull’hard disk.
Il disposistivo antivirus brevettato da Kaspersky Lab è in grado di scansionare tutti i dati registrati sull’hard disk, identificando e bloccando i programmi potenzialmente dannosi.

“Come azienda innovativa cerchiamo sempre di creare soluzioni alternative che migliorino significativamente il livello di protezione dei nostri clienti”, dichiara Nikolay Grebennikov, Chief Technical Officer di Kaspersky Lab. “La nostre aree di ricerca spaziano dal  cloud computing all’uso non convenzionale di soluzioni hardware. Questo dispositivo hardware antivirus permetterà di superare le attuali limitazioni di protezione associate ai diversi sistemi operativi in uso”.

Il dispositivo brevettato deve essere installato tra il drive (disco rigido o Ssd) e l’unità di calcolo (Cpu e Ram) connesso ad un bus di sistema o integrato nel controller del disco. Questo dispositivo antivirus hardware permette o blocca la scrittura di dati sul disco rigido, fornendo messaggi di allerta e informazioni sull’attività all’utente. Il dispositivo può lavorare in maniera autonoma o congiuntamente ad un’applicazione software antivirus.

18 Febbraio 2010