Nuova generazione per i server x86

IBM

Ibm ha presentato i primi sistemi in grado di abbattere le barriere tecniche per offrire calcolo straordinariamente più scalabile, sintonizzato sul carico di lavoro. Basati sulla piattaforma x86, i nuovi server eX5 sono il risultato di un impegno ingegneristico durato tre anni, che consente ora di migliorare l’economia di gestione dei sistemi basati su standard di settore nell’area “enterprise”.

Dopo l’introduzione dei nuovi Power Systems, i nuovi sistemi eX5 rappresentano la seconda famiglia di sistemi Ibm di quest’anno creati appositamente per far fronte a una nuova tipologia di carichi di lavoro e per ridurre significativamente i costi dell’infrastruttura IT esistente. Vengono presentati in anteprima oggi, alla fiera di settore Cebit in Germania, e i primi modelli saranno disponibili a fine mese.

Secondo Idc, in ogni trimestre del 2009 Ibm ha guadagnato più quota di mercato rispetto a qualsiasi altro fornitore di server x86, e detiene ora una quota di ricavi del 19,6 per cento, registrando una crescita di 3,5 punti anno su anno. Sempre secondo Idc, nel quarto trimestre 2009 Ibm è al primo posto nel mercato dei blade, registrando una crescita dei ricavi anno su anno del 61,5 per cento e guadagnando 5,4 punti di quota di ricavi. I ricavi relativi alle unità consegnate nel mercato blade complessivo sono cresciuti del 17,3 per cento.

02 Marzo 2010