Pagamenti digitali, più di 250mila utenti per "Jiffy"

SIA

Più di 250mila utenti attivi a fine dicembre per Jiffy, il servizio sviluppato da Sia per inviare e ricevere denaro in tempo reale dallo smartphone. Il valore medio della singola transazione, spiega l'azienda, è pari a 42 euro e circa il 50% dei trasferimenti è al di sotto dei 25 euro. Da quando è stato lanciato sul mercato italiano sono circa 50 le banche che hanno aderito all’innovativo servizio per pagamenti “Person to Person” (P2P) di Sia.

Jiffy è attualmente a disposizione dei correntisti di BNL, Cariparma, Carispezia, Che Banca!, Friuladria, Gruppo Carige, Hello bank!, Intesa Sanpaolo, Banca Mediolanum, Banca Popolare di Vicenza, UBI Banca, UniCredit e Widiba. Prossimamente, spiega l'azienda in una nota, Jiffy sarà disponibile anche per Banca Popolare di Milano, Banca Popolare di Sondrio, Cassa Centrale Banca, Gruppo Poste Italiane, Monte dei Paschi di Siena e Veneto Banca. Una volta attivati tutti gli istituti di credito, il servizio sarà, quindi, fruibile da oltre 32 milioni di conti correnti italiani, pari a circa l’80% del totale.

Basato su bonifico Sepa, Jiffy è un servizio aperto a tutte le banche operanti nell’Area unica dei pagamenti in Euro, potenzialmente utilizzabile da oltre 400 milioni di correntisti europei.

Grazie a Jiffy, conclude il comunicato, per trasferire denaro basta selezionare il destinatario dalla rubrica personale dello smartphone, inserire l’importo, un eventuale messaggio e con un click il denaro viene immediatamente inviato e può essere subito utilizzato dal beneficiario. Per attivare Jiffy bisogna registrarsi sul sito della propria Banca e scaricare l’App fornita dalla Banca stessa.

©RIPRODUZIONE RISERVATA 22 Gennaio 2016

TAG: Jiffi, Sia, Sepa, Area unica dei pagamenti in euro, BNL, Cariparma, Carispezia, Che Banca!, Friuladria, Gruppo Carige, Hello bank!, Intesa Sanpaolo, Banca Mediolanum, Banca Popolare di Vicenza, UBI Banca, UniCredit, Widiba

SCARICA L'APP PER IL TUO
SMARTPHONE O TABLET
App Store App Store