Copernicus, due nuovi satelliti per Thales Alenia Space

SPAZIO

Il gruppo si aggiudica un contratto da 450 milioni di euro per realizzazione dei Sentinel-3C e D destinati al monitoraggio ambientale e oceanografico. Il Ceo Jean Loïc Galle: "Così contribuiremo alla strategia di protezione ambientale europea"

di A.S.

Un nuovo contratto da 450 milioni di euro con l’Esa, l’agenzia spaziale europea, per la realizzazione dei satelliti Sentinel-3C e D del programma europeo Copernicus, e saranno dedicati al monitoraggio ambientale e oceanografico. Ad aggiudicarsi la commessa è Thales Alenia Space, joint venture tra Thales (al 67%) e Finmeccanica (con il 33%).

Come per i satelliti 3A e 3B, Thales Alenia Space è stata scelta come prime contractor, responsabile della progettazione, sviluppo, integrazione e test anche dei satelliti 3C e 3D, compatibili con il lanciatore leggero europeo Vega.

Ciascuno dei due satelliti, spiega Thales Alenia Space in una nota, sarà dotato di quattro strumenti principali, due ottici e due radar. Al primo campo appartengono “Olci”, Ocean and Land Color Instrument, dedicato al colore degli oceani, e il Radiometro di temperatura dei mari e della superficie terrestre (Slstr). Quanto ai due strumenti radar, sono un altimetro a apertura sintetica (Sral), completo di un Radiometro a Microonde (Mwr), impiegati per fornire una capacità versatile alla misurazione topografica di superficie con missione primaria sugli oceani ma valida anche per i ghiacci marini, il ghiaccio, le acque terrestri e il suolo.

I satelliti 3C e 3D, il cui lancio è previsto per il 2021, rappresentano una parte integrante del vasto programma di Osservazione europeo della Terra Copernicus, gestito da Esa con la Commissione Europea. L’obiettivo di Copernicus è di assicurare l’indipendenza europea nell’acquisizione e nella gestione dei propri dati ambientali del pianeta, per poter fornire un supporto significativo alle autorità e ai responsabili decisionali europei.

Ciascun satellite, Sentinel-3C e 3D, peserà approssimativamente 1,2 tonnellate al lancio, e sarà posizionato ad un’orbita terrestre bassa (LEO) e a un’altitudine di 815 chilometri.

“Siamo estremamente orgogliosi di esserci aggiudicati questo importante contratto - afferma Jean Loïc Galle, Ceo di Thales Alenia Space - che conferma la lunga esperienza di Thales Alenia Space nella realizzazione dei satelliti e strumenti per l’osservazione della Terra. Essere stati scelti dall’Agenzia spaziale europea dimostra anche che abbiamo le qualità per soddisfare le sfide che questo programma presenta, contribuendo al contempo in modo significativo alla strategia di protezione ambientale europea, sia presente che degli anni a venire.”

L’obiettivo principale della missione Sentinel-3 è l’osservazione completa degli Oceani e della Terra, compreso il loro “colore” e temperatura, oltre a una misurazione accurata dei livelli oceanici.

©RIPRODUZIONE RISERVATA 10 Febbraio 2016

TAG: Esa, Thales Alenia Space, Jean Loïc Galle, Copernicus, Commissione Ue, Sentinel, Finmeccanica, Thales

SCARICA L'APP PER IL TUO
SMARTPHONE O TABLET
App Store App Store