Crescita a due cifre per il fatturato 2009

RED HAT

Red Hat ha annunciato i risultati finanziari relativi al quarto trimestre e all’intero anno fiscale, chiusisi il 28 febbraio 2010.

Il fatturato totale del trimestre è stato di 195,9 milioni di dollari, con una crescita del 18% rispetto allo stesso trimestre dello scorso anno. Il fatturato legato alle sottoscrizioni è stato di 169,2 milioni, con un incremento del 21% rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente. Per l’intero anno, il fatturato totale è stato di 748,2 milioni, in aumento del 15% rispetto all’anno passato, ed il fatturato legato alle sottoscrizioni è stato di 638,7 milioni, il 18% in più rispetto al 2009.

“Con una crescita a due cifre ed entrate record, questo quarto trimestre ha chiuso degnamente un anno di solide prestazioni, portandoci ancora più vicino al nostro obiettivo di fatturato, quello del miliardo di dollari”, spiega Jim Whitehurst, Presidente e Ceo di Red Hat. “Guardando al futuro, possiamo affermare di essere posizionati in maniera ottimale, al centro dei numerosi trend tecnologici che stanno interessando il data center, dal cloud computing alla virtualizzazione, fino al middeware. I prodotti Red Hat rispondono direttamente a queste tendenze, offrendo ai nostri clienti soluzioni innovative e cost-saving, su cui contiamo per spingere ulteriormente guidare la nostra crescita.”

L’utile d’esercizio Gaap per il quarto trimestre e per l’intero anno fiscale 2010 è stato rispettivamente di 28 milioni di dollari e di 100,3 milioni, mentre il margine operativo Gaap è stato del 14,3% del quarto trimestre e del 13,4% nell’intero anno. Dopo compensazioni azionarie, ammortizzazioni e spese fiscali, l’utile d’esercizio non-Gaap per il trimestre è stato di 46,6 milioni, con un margine operativo del 23,8%, e l’utile d’esercizio non-Gaap per l’intero anno è stato pari a 177 milioni. Il margine operativo non-Gaap per l’intero anno fiscale è stato del 23,7%, in aumento di 100 punti base rispetto all’anno scorso.

L’utile netto Gaap per il trimestre è stato di 23,4 milioni, pari a 0,12 per azione, rispetto ai 16,4 milioni, pari a 0,08 per azione, registrati nel trimestre precedente, ed ai 16 milioni, pari a 0,08 per azione, registrati nello stesso trimestre dell’anno passato. L’utile netto compensato non-Gaap per il trimestre è stato pari a 36,5 milioni, pari a 0,19 per azione, dopo compensazioni azionarie, ammortizzazioni e spese fiscali. Questo dato si confronta con un utile netto compensato di 33,5 milioni, pari a 0,17 per azione, registrato nel trimestre precedente, ed ai 28,5 milioni, o 0,17 per azione, registrati nello stesso trimestre dell’anno scorso.

Per l’intero anno, l’utile netto Gaap è stato di 87,3 milioni, pari a 0,45 per azione, rispetto ai 78,7 milioni, o 0,39 per azione, dell’anno precedente. Dopo compensazioni azionarie, ammortizzazioni e spese fiscali, l’utile netto compensato non-Gaap per l’intero anno è stato di 138,1 milioni, pari a 0,71 per azione, rispetto ai 121,5 milioni, o 0,59 per azione, registrati nell’anno fiscale terminato il 28 febbraio 2009.

Il flusso di cassa operativo ha raggiunto i 77,9 milioni nel trimestre ed i 255,2 milioni per l’intero anno, dopo il pagamento di 8,8 milioni per la risoluzione di controversie pregresse. Alla fine dell’anno, l’azienda contava su un fatturato differito di 645,9 milioni, in crescita del 19% rispetto all’anno precedente e del 4% su base sequenziale. Tra contanti ed investimenti convertibili, l’azienda vantava al 28 febbraio 2010 una liquidità di 970,2 milioni dopo il riacquisto di 3,1 milioni di azioni per un valore di circa 90,1 milioni, effettuato nel corso del trimestre. Nel corso dell’intero anno fiscale, Red Hat ha riacquistato 10 milioni di azioni, per un controvalore di 236,4 milioni. Le azioni di Red Hat circolanti sul libero mercato sono attualmente 193,5 milioni, l’8,4% in meno rispetto all’anno scorso.

“Focus di quest’anno è stato il mantenimento di un’esecuzione coerente, nonostante le condizioni economiche più complesse in cui ci siamo mai trovati ad operare. Abbiamo gestito i costi in maniera conservativa, continuando ad investire significativamente. Abbiamo aggiunto al nostro staff oltre 350 professionisti, soprattutto a livello di engineering e struttura commerciale. Abbiamo investito in formazione commerciale, sistemi tecnologici e nuove attrezzature, mantenendo il controllo sui viaggi e su altre spese. Risultato di ciò è stata una crescita dell’utile d’esercizio non-Gaap per l’intero anno del 19%, ed un incremento del margine operativo di 100 punti base, sempre per l’intero anno”, aggiunge Charlie Peters, executive vice president e Cfo di Red Hat. “Da tempo abbiamo un flusso di cassa costantemente elevato, ma il quarto trimestre è stato particolarmente positivo, con un flusso di cassa operativo Gaap di 77,9 milioni, in crescita del 31% rispetto all’anno precedente, nonostante spese aggiuntive per compensazioni paro a 8,8 milioni.”

25 Marzo 2010