Carpooling, il sito "anti-vulcano"

POSTOINAUTO.IT

Aerei a terra, treni esauriti? C’è sempre postoinauto.it. L’eruzione del vulcano islandese Eyjafjallajökull sta causando un blocco del traffico aereo senza precedenti: migliaia i voli cancellati, centinaia di migliaia i passeggeri fermi. E nel clima di incertezza generale molti viaggiatori vanno alla ricerca di mezzi alternativi all’aereo; tuttavia, le ferrovie segnalano il tutto esaurito, e trovare un’auto a noleggio è ormai quasi una missione impossibile. Ma è dal web che arriva una possibile soluzione.

Si profila infatti un’alternativa a code e disagi in aeroporto: il carpooling, o condivisione dell’auto. www.postoinauto.it, il portale web del carpooling italiano, ha registrato un aumento del 50 percento di contatti nei due giorni scorsi, e sempre più viaggi verso l’estero sono esauriti. Su postoinauto.it chi ha dei posti liberi in auto li mette a disposizione di altre persone che effettuano lo stesso tragitto, in cambio di un contributo per le spese di viaggio. E in questi giorni molti inseriscono i loro annunci in particolare per aiutare coloro che sono rimasti a terra, i quali trovano così un’alternativa economica e senza stress per arrivare a destinazione.

È il caso di Luca, 28 anni, di Milano. Doveva partire per Parigi sabato, ma ha preferito chiedere il rimborso alla compagnia aerea e cercarsi un’alternativa: «I posti in treno erano esauriti, ho cercato allora su postoinauto.it e ho trovato un viaggio per domenica (ieri, ndr). A 50 euro, molto meno dell’aereo, in compagnia di altre persone, anch’esse rimaste bloccate dallo stop aereo».
Numerose anche le offerte sulle tratte nazionali: Milano-Roma, Roma-Potenza, Roma-Genova, Trani-Ancona, Firenze-Napoli, Torino-Firenze sono alcuni dei migliaia di viaggi disponibili sul portale nei prossimi giorni. A un prezzo di gran lunga inferiore a treno e aereo, e con il posto a sedere garantito.

«In una situazione di emergenza come questa siamo costretti a fare i conti con situazioni impensabili – spiega Olivier Bremer, insieme a Federico Amoni co-fondatore di postoinauto.it –. Dobbiamo cambiare mentalità, dobbiamo essere flessibili e pensare a soluzioni innovative e moderne di mobilità. Ecco allora che i viaggiatori si affidano sempre di più al carpooling che, oltre a essere gratuito, è semplicissimo: chi ha dei posti liberi in auto li mette a disposizione degli altri utenti di postoinauto.it, specificando partenza, arrivo, data, ora e prezzo, e chi è interessato prenota il posto, il tutto con pochi clic. E con la certezza di arrivare a destinazione senza problemi, in sicurezza e in compagnia». Ovvio, il carpooling non ha l’ambizione né lo scopo di sostituire i viaggi in aereo. «È chiaro, l’auto non potrà mai competere con l’aereo in termini di velocità. Ma – conclude Bremer – in questi giorni l’auto condivisa costituisce spesso l’unico modo per arrivare a destinazione – meglio tardi che mai».

Postoinauto.it è il primo sito di carpooling indipendente e attivo su tutto il territorio nazionale. Gratuito e facile da usare, postoinauto.it permette a tutti di condividere viaggi in auto verso qualsiasi destinazione in Italia. Chi ha dei posti liberi in auto li mette a disposizione degli altri utenti di postoinauto.it, che contribuiscono in questo modo alle spese di viaggio, creando un vantaggio per tutti: l’autista risparmia sulle spese del viaggio, i passeggeri risparmiano rispetto ad altri mezzi di trasporto, e tutti viaggiano in compagnia e contribuiscono alla riduzione delle emissioni di CO2 e del traffico sulle strade italiane.

Postoinauto.it è creato e gestito da due studenti che hanno sperimentato personalmente il carpooling in altri paesi europei, dove conta milioni di sostenitori. Vengono così riprese alcune caratteristiche dei siti esteri, mentre altre vengono rinnovate e adattate al pubblico italiano, particolarmente attento alla semplicità di utilizzo e alla sicurezza. In particolare, la sicurezza degli utenti è garantita da una serie di meccanismi, tra cui la registrazione obbligatoria, l’indicazione del numero della targa, il feedback e le “pagelle” per gli autisti, il “viaggio rosa” per le donne.

19 Aprile 2010